Ideal Standard, riparte la protesta: “Traditi anche dalla Loggia”

    0
    Bsnews whatsapp

    A distanza di quasi due anni dagli impegni firmati al Ministero dello Sviluppo Economico, Femca Cisl, Filctem Cgil e Uilcem Uil tornano a chiedere a Comune di Brescia, Provincia e Ferrovie dello Stato la formalizzazione dell’accordo di attuazione del progetto della Piccola velocità. Preoccupano le più recenti decisori urbanistiche del Comune: «Il Sindaco – scrivono in un comunicato Femca Cisl, Filctem Cgil e Uilcem Uil – ha sempre sostenuto che le aree a destinazione industriale (compresa quella di via Milano della Ideal Standard) non cambieranno la loro assegnazione d’uso, ma il nuovo Pgt (Piano di Governo del Territorio) della città dice l’esatto contrario». Secondo Cgil, Cisl e Uil, Fs Logistica non intende più investire nella riqualificazione dell’area, ma preferisce affidarla ad altri «e sarà un caso – evidenziano – ma Arcese, già partner di Ideal Standard, lavora da mesi per ottenere la propria partecipazione a un business che diventa interessi di molti».  

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. C’è un giornale che da mesi dedica paginate e paginate per decantare il pgt. Anche oggi. Poi scopriamo che l’unica vera promessa di Paroli, cioè mantenere la destinazione industriale dell’Ideal, non viene mantenuta e diventa un’area residenzaile. Vergogna! Anche a chi (non) scrive certe cose su certi giornali!

    2. Quella dei sindacati mi sembra una protesta strumentale. E’ notizia di pochi giorni fa che a settembre ci sarà la firma di un nuovo accordo per la Piccola, accordo al quale parteciperanno anche il ministero per lo Sviluppo Economico proprio per garantire al meglio la questione Ideal Standard. Io l’ho letta qui ma c’era su tutti i giornali…

    3. e direi che è anche gisuto,vorrei vedere chi è cosi folle da mantenere un area industriale imbottigliata in un posto come quello dove ora sorge l’ideal sandard,certo,piuttosto che residenziale .io propenderei per un bel campo deserto visto che altre case non servono,però di certo non per altri capannoni,tanto le aziende da metterci dentro non ci sono più ahahahahah

    4. Il Sindaco Paroli VEV promesso che mai sarebbe diventata residenziale!!! e delle famiglie dei lavoratori chi si preoccupa in un momentodifficile come questo!!!

    RISPONDI