Liberata in Vallecamonica una prostituta romena rapita dagli sfruttatori nel Ravennate

    4

    I Carabinieri della Compagnia di Breno e di Ravenna sono stati impegnati nelle ricerche serrate di una ragazza di origine rumena di circa 20 anni che era costretta contro la sua volontà a seguire i propri sfruttatori per esercitare la prostituzione.

    Le indagini sono partite con un episodio avvenuto nella tarda mattinata di martedì 16 agosto 2011 quando è stato segnalato ai Carabinieri della Stazione di Marina Romea che una giovane, probabilmente una prostituta, era stata caricata con la forza su una vettura grigia da un uomo. Fortunatamente un testimone in transito sulla Statale Romea e che ha assistito ai fatti ha potuto memorizzare la targa della vettura, una familiare tedesca, che i militari hanno subito diramato in tutta Italia come vettura da ricercare.

    In contemporanea sono poi partite le indagini, che hanno da un lato approfondito la conoscenza della presunta vittima del rapimento, una giovane romena di circa 20 anni che si prostituiva sulla riviera romagnola, dall’altro il filone che conduceva alla zona di usuale circolazione della vettura ovvero nella provincia di Brescia.

    Il lavoro dei Carabinieri si è protratto a lungo e senza sosta, alla ricerca del minimo indizio utile alle indagini ed in tale ambito è emerso che il fatto poteva essere connesso ad un protettore oppressivo, da cui la giovane era scappata già una volta per liberarsi dal suo controllo.

    In serata la prima svolta con l’individuazione, da parte dei Carabinieri della Compagnia di Breno della vettura in questione, notata aggirarsi nella zona di Borno. A quel punto sono stati attivati appropriati servizi tenendo conto di non fare correre alcun rischio alla giovane. Per tutta la notte a la mattina successiva sono stati mantenuti punti di osservazione da parte dei militari ed infine la pazienza è stata ricompensata dalla localizzazione della vettura che, una volta seguita, veniva bloccata nella periferia del paese. A bordo la giovane, accompagnata da una donna che la controllava e da un ragazzo che guidava il mezzo. Per la ragazza l’incubo era finito e sono scattate le manette ai polsi dei suoi sequestratori, I.B., un rumeno di 24 anni, e A.S., una rumena di 20 anni, in Italia senza fissa dimora e senza precedenti.

    Al termine della brillante operazione corsa sull’asse Ravenna-Brescia, i Carabinieri di Breno hanno quindi potuto portare la giovane sequestrata in un luogo sicuro e lontano dai suoi aguzzini. Proseguono gli accertamenti alla ricerca di eventuali complici.

    Comments

    comments

    4 COMMENTS

    LEAVE A REPLY