Metro, Paroli chiude al dialogo col Pd: “Non ho tempo da perdere con chi racconta solo bugie”

    0
    Bsnews whatsapp

    (da.bac.) “Per dialogare bisogna essere in due e io non ho tempo da perdere con chi continua a raccontare frottole ai cittadini”. Adriano Paroli chiude (o quasi) la breve stagione del dialogo tra maggioranza e opposizione sui conti del metrobus. Un dialogo in realtà mai nato, spiega il primo cittadino, perché “da parte del Pd sono arrivate solo attacchi strumentali” e polemiche che “definire sterili è poco, direi stupide”. Insomma, per il sindaco di Brescia “non ci sono le condizioni” per quell’intesa bipartisan auspicata e ricercata in luglio. In questo quadro anche l’ipotesi di una commissione d’indagine è da accantonare, perché dall’altra parte “c’è qualcuno che o ci è o ci fa, o non capisce o non vuole capire”.

    “La metropolitana, spiega Paroli, oggi è un enorme problema”. Si tratta di un’opera che costerà quasi un miliardo di euro, con 400 milioni di debito sulle spalle di Brescia Mobilità. “Non è colpa nostra se non si è pensato per tempo alla copertura economica e se oggi viene percepita come una criticità dalla città. Oggi il nostro lavoro” aggiunge “è trasformare questo problema in un’opportunità ma è imbarazzante dover sempre fare i conti con chi riduce tutto a polemica politica”. Rispetto alle prove di dialogo abbozzate un mesetto fa, spiega Paroli, nelle scorse settimane dal Pd sono arrivati solo attacchi: le dichiarazioni di Del Bono, le lettere ai giornali di Bragaglio, Boifava e Capra (“con ricostruzioni che definire tendenziose è poco”). “Non si può ridurre il problema della metro all’acquisto di Omb o al parcheggio sotto il castello. Omb è un’azienda strategica, che dà già utili e che ha garantito il posto di lavoro a 100 lavoratori, dipinti spesso come mantenuti di Stato e a cui va invece tutta la mia solidarietà.  Il parcheggio sarà come quello di piazza Vittoria, ovvero garantirà introiti alle casse del Comune. Purtroppo però c’è chi fa finta di non capire la differenza tra costi e investimenti e racconta bugie cercando di mettere nella testa della gente il dubbio che il problema delle metro siano Omb o il parcheggio. E questi sono solo due esempi. Per dialogare” aggiunge il sindaco “bisogna essere d’accordo sulle premesse. E le premesse sono 400 milioni di debito”. Dove trovare i soldi? L’idea decidere insieme cosa vendere e dove tagliare. “Noi abbiamo pensato ad un’addizionale Irpef vincolata alla metro. Il Pd ci doveva dire se era d’accordo o se voleva il biglietto a 1,90 come deciso da Corsini.  Invece sono arrivati solo attacchi e bugie. A questo punto noi faremo le nostre scelte”.

    Porta chiusa anche per la commissione d’indagine. “Doveva essere il momento per mettere le carte a terra e capire quali sono i costi della metro” conclude Paroli. “Ma se dall’opposizione arrivano solo risposte strumentali non ho voglia e tempo da perdere. Agli occhi dei cittadini sembrerebbe di dover indagare su chissà quali sprechi mentre – lo ripeto – il nostro obiettivo deve essere quello di far percepire la metro come un’opportunità”. 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. cioè prima minacciano di fare una commissione d’inchiesta (in consiglio comunale!!! non sui giornali), poi si accorgono che potrebbero emergere verità scomode e ora si tirano indietro???!!! Ridicoli!!!

    2. perché “da parte del Pd sono arrivate solo attacchi strumentali”…. Bhe sempre meglio di tutte le st…ate che ci propinatavate quando eravate all’opposizione… E che ora che siete al governo della città, continuate a venderci…..

    3. Egregio Signor Sindaco, mi permetta di invitarLa a riflettere sul fatto che gli esiti del lavoro di una Commissione d’Indagine, il cui dichiarato scopo pareva essere quello di portare chiarezza e fors’anche benvenute soluzioni al grave problema creatosi, costituirebbero in ultima istanza una risposta per gli stessi Suoi cittadini che molta fatica ormai fanno per distinguere e comprendere. Lungi dal percepirla perciò come una mera "perdita di tempo", qualunque siano le ragioni di tale percezione, sarebbe buona cosa Lei non ritraesse la mano che – a questo punto si potrebbe pensare maliziosamente e fintamente – Lei ha fatto credere di aver porto.
      Non mi sembra, per altro, Lei possa seriamente pretendere di mettere a tacere un’opposizione che null’altro sta facendo se non ciò che deve. Tanto più che neppure i "Suoi" – non ultimo il consigliere Toffoli, nei giorni scorsi – perdono occasione per infierire. E’ il gioco delle parti, ovviamente. Credo dovrebbe accettarlo con più serenità e meno prepotente orgoglio.

    4. Egregio Signor Sindaco, mi permetta di invitarLa a riflettere sul fatto che gli esiti del lavoro di una Commissione d’Indagine, il cui dichiarato scopo pareva essere quello di portare chiarezza e fors’anche benvenute soluzioni al grave problema creatosi, costituirebbero in ultima istanza una risposta per gli stessi Suoi cittadini che molta fatica ormai fanno per distinguere e comprendere. Lungi dal percepirla perciò come una mera "perdita di tempo", qualunque siano le ragioni di tale percezione, sarebbe buona cosa Lei non ritraesse la mano che – a questo punto si potrebbe pensare maliziosamente e fintamente – Lei ha fatto credere di aver porto.
      Non mi sembra, per altro, Lei possa seriamente pretendere di mettere a tacere un’opposizione che null’altro sta facendo se non ciò che deve. Tanto più che neppure i "Suoi" – non ultimo il consigliere Toffoli, nei giorni scorsi – perdono occasione per infierire. E’ il gioco delle parti, ovviamente. Credo dovrebbe accettarlo con più serenità e meno prepotente orgoglio.

    5. Secondo me il Sig. Vice Sindaco Paroli dovrebbe chiarire perchè, a fronte di un accordo tombale sulle riserve, che ci costa decine di milioni di euro, la controparte Astaldi è stata premiata con il contemporaneo acquisto delle azioni della Centro Padane. Coincidenza curiosa, molto curiosa. E’ forse per questo che la commissione non interessa più?

    6. cerchiamo di essere seri e vediamo i fatti: 1. la metro costa un sacco di soldi e non si sa come pagarla. 2. il piano economico di corsini non copriva tutti i costi e (follia!) metteva il biglietto a 1.90 euro 3. per trovare i soldi che mancano e tenere il biglietto a cifre "normali" servono proposte concrete 4. il comune ha introdotto l’irpef per coprire la differenza tra il biglietto a 1.20 e 1.90 e poi si è rivolto all’opposizione dicendo: voi cosa fareste? cosa tagliereste? cosa vendereste? lo decidiamo insieme? 5. l’opposizione ha detto: si facciamolo insieme e poi ha messo manifesti in giro per la città che attaccano paroli e rolfi e ha rilasciato interviste in cui si dice che i conti in rosso sono colpa di questa giunta… ditemi voi…

    7. essere seri? ma è serio dire decidiamo insieme, poi minacciare una commissione d’indagine e infine ritirare sia la prima che la seconda proposta?

    8. ma si…è il leit motive di questo vice Sindaco…
      incoerenza, passi falsi, ipocrisia e poi un livello di sensibilità democratica degno degli ex fascistoidi che ha in Giunta. Ma fai sta Commissione d’inchiesta se ne hai il coraggio su!

    9. Questa e’ bella la destra chiede la commissione di indagine e il sindaco polemizza con il pd; di mezza dichiara che si deve vendere A2A e il pd dice che la legge non obbliga la vendita e paroli polemizza con il pd. A casa Paroli!

    10. Questa opposizione sterile e polemica mi ha fatto perdere la passione per la politica. Bene Paroli, concreto e attento alla città. Si votasse domani Paroli 1000 volte.

    11. Questa opposizione sterile e polemica mi ha fatto perdere la passione per la politica. Bene Paroli, concreto e attento alla città. Si votasse domani Paroli 1000 volte.

    12. Questa opposizione critica su tutto e non fa ammenda per il buco finanziario creato da Corsini e dai suoi.
      Prima ha svenduto e depauperato un patrimonio come quello di ASM poi ci ha indebitati per la metropolitata che voleva solo lui. Un miliardo di euro dei bresciani per un opera che fa lo stesso tracciato di un autobus, risulterà più efficace la linea 13 bernini-gussago.
      Ma non prendiamoci in giro i problemi di Brescia sono stati tutti ciecamente voluti da Corsini ed ora Paroli che sta provando a metterci una pezza viene criticato dagli stessi che mangiavano alla tavola del professore… ma dai siate un po’ seri

    13. Be’, uno che paragona la linea di un bus ad una metropolitana che risposte può meritare? C’è forse da mettersi a replicare? O stendiamo un velo pietoso?

    14. a suo tempo votai NO (come la maggioranza dei bresciani) alla costruzione della metropolitana ma la giunta cattocomunistaambientalistaecologista la volle costruire ugualmente…citta’ da soli 180.000 abitanti ,milioni di metricubi di cemento per andare dall’ospedale Civile fino a san Faustino ( 5 fermate di bus ) per non parlare del centro comm. Freccia Rossa , altro cemento a fiumi …ragazzi che amministrazione abbiamo avuto per 20 anni…che amministrazione.

    15. Non sarà colpa, forse, dell’intera Giunta, ma dei silenzi di Paroli di tutti questi annio sì, specialmente, quando, elmetto in testa andava a pontificare con l’amico Labolani la "grande opera"senza spiaccicarne un verbo contrario. MA VA LA’!

    16. Non sarà colpa, forse, dell’intera Giunta, ma dei silenzi di Paroli di tutti questi annio sì, specialmente, quando, elmetto in testa andava a pontificare con l’amico Labolani la "grande opera"senza spiaccicarne un verbo contrario. MA VA LA’!

    17. Anch’io votai NO alla Metropolitana, ma la maggioranza dei Miei Concittadini pensava il contrario,altrimenti il referendum avrebbe raggiunto il quorum,,,,,,

    18. un altra scoperta della passata giunta , chi si ricorda le famose LAM ? Chilometri di piastrelle buttati nel cesso , attivita’ commerciali andate in malora per colpa dei 4 anni di lavori , eppure qualcuno glielo aveva detto
      alla giunta Corsini che il passaggio di mezzi pesanti avrebbe fatto staccare le piastrelle come burro , infatti dopo 6 mesi e’ successo , risultato ? altri 2 anni di lavori , togli le piastrelle e via con il vecchio sistema del catrame , milioni di euro a spese dei bresciani.

    19. Questi sarebbero i governatori della città? S’appropriano,e, anche malamente di cose fatte da altri, (es. museo santa giulia patrimonio dell’unesco), chiusura del centro storico, ripristino s.faustino e limitrofi, del cinema eden e d’altre cose, non distinguono un quadro da un balletto, il sindaco ha una doppio e remunerato incarico, il vice sindaco pensa d’essere lo sceriffo, labolani non sà da che parte è girato (si dichiara "creativo ed entusiasta"(di che cosa?)), nel frattempo hanno fatto l’operazione "buonissimo", supermercato fallimentare d’elite, con un costo stabilito dalla camera di commercio in un modo, ma pagato in un’altro con sostanziale differenza,senza spiegazione alcuna di dove sono finiti i denari di tale gravosa differenza. Parliamone!!!

    20. Questi sarebbero i governatori della città? S\’appropriano,e, anche malamente di cose fatte da altri, (es. museo santa giulia patrimonio dell\’unesco), chiusura del centro storico, ripristino s.faustino e limitrofi, del cinema eden e d\’altre cose, non distinguono un quadro da un balletto, il sindaco ha una doppio e remunerato incarico, il vice sindaco pensa d\’essere lo sceriffo, labolani non sà da che parte è girato (si dichiara "creativo ed entusiasta"(di che cosa?)), nel frattempo hanno fatto l\’operazione "buonissimo", supermercato fallimentare d\’elite, con un costo stabilito dalla camera di commercio in un modo, ma pagato in un\’altro con sostanziale differenza,senza spiegazione alcuna di dove sono finiti i denari di tale gravosa differenza. Parliamone!!!

    RISPONDI