Per le cure a Felice Bonomi servono 40mila euro

0

Innanzitutto il bollettino medico: Felice Bonomi, 87enne bresciano originario di Vestone, tipografo ora in pensione, residente da anni in Kenya, è ancora in coma. I medici dell’ospedale di Mombasa stanno aspettando che l’ematoma evidenziato nel cranio dell’uomo si riassorbisca, e per questo motivo hanno indotto farmacologicamente il coma, che proseguirà per una decina di giorni. L’uomo insomma pare non essere in pericolo di vita.

Ora il resto: la moglie di Bonomi, Hellen, è disperata perché non sa come pagare le spese mediche dell’ospedale privato dove l’uomo è ricoverato dalla notte della rapina subita nella sua abitazione. Come precedentemente riferito (leggi la news) i familiari in Italia dicono che il parente era in possesso di una assicurazione sulla vita, ma la moglie in Kenya non ne sa nulla, e non trova i documenti. Per risarcire l’ospedale con una prima trance di denaro la donna è stata costretta a vendere la propria utilitaria. Solo 5mila euro il ricavo della vendita, poca cosa rispetto ai 40mila euro di parcella presentata dall’ospedale a fronte delle spese per tenere in vita l’uomo tramite macchinari ai quali è costantemente attaccato.

La situazione si fa ogni giorno più critica, e ogni giorno cresce la cifra che la famiglia dovrà sborsare. Riportare Felice Bonomi in Italia sarebbe impraticabile viste le sue condizioni cliniche, non rimane altro che pagare.
a.c.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. nessuna parcella ammontante 40.000 euro richiesta dall ospedale. nessuna minaccia dall ospedale di sospendere le cure ma di trasferimento in ospedale pubblico

LEAVE A REPLY