Omosessuali “aggrediti” in Maddalena. Spunta un secondo caso

    30
    Bsnews whatsapp

    (a. tortelli) Il nuovo episodio di intolleranza è venuto alla luce soltanto nelle scorse ore. Ma risale a domenica 21 agosto, proprio il giorno in cui l’Arcigay bresciana aveva organizzato un pic-nic simbolico in Maddalena per manifestare contro l’aggressione verbale subita, la settimana prima, da una coppia di omosessuali sul colle cittadino. La scena di Ferragosto – secondo quanto ricostruito da Bsnews.it – si è ripetuta quasi in fotocopia. Il 15, infatti, due giovani erano stati avvicinati da un uomo che prima li aveva invitati a nascondere i loro gesti d’affetto spostandosi nel vicino bosco e poi li aveva insultati pesantemente, minacciando la coppia di “cacciarla a calci” se non avesse ottemperato alla richiesta. Il nuovo episodio è avvenuto intorno alle 15 del 21 agosto. Sulla Maddalena si era appena conclusa la manifestazione di Arcigay e quattro rappresentanti del gruppo bresciano Orlando – tra cui il segretario provinciale Andrea Scalmana e quello nazionale Luca Trentini – stavano facendo pulizia sul prato, quando un uomo ha iniziato a provocarli e insultarli ad alta voce. A quel punto i referenti di Orlando hanno chiamato la Polizia, che – arrivata sul posto dopo pochi minuti – ha preso nota delle generalità dell’uomo. Ma anche, pare, di una seconda persona che si sarebbe inserita nella scena dandogli man forte e affermando la propria rabbia perché “il mio nome è finito sul giornale”.

    Per il momento Arcigay non ha sporto denuncia, ma potrebbe farlo nelle prossime settimane (ha 90 giorni di tempo). Restano, comunque, nella comunità omosessuale l’amarezza e la preoccupazione per l’ennesimo piccolo episodio di intolleranza. “Il problema”, ha spiegato Luca Trentini, “è soprattutto culturale. Qualcuno forse vorrebbe che noi omosessuali tornassimo nell’invisibilità ed è infastidito dal fatto che possiamo fare, come tutti, un pic-nic in Maddalena. L’aria che si respira in città è pesante. Ed evidentemente l’odio è talmente radicato che alcune persone non riescono a vivere con serenità nemmeno una normale domenica pomeriggio di sole. Ma noi non vogliamo porci nel ruolo delle vittime. Continueremo a combattere”, conclude Trentini, “perché la società promuova l’integrazione e la convivenza fra le diversità”.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    30 COMMENTI

    1. TUTTA LA SOLIDARIETA’ ANCHE DA PARTE MIA….MA QUANDO SONO CON MIO FIGLIO E MI TROVO DAVANTI DUE RAGAZZI CHE SI "BACIANO" FOCOSAMENTE…IO GLI TAPPO GLI OCCHI E GLI FACCIO CAMBIARE DIREZIONE!!!!!!COMUNQUE SIA!!!!!!

    2. Continueremo a combattere”, conclude Trentini, “perché la società promuova l’integrazione e la convivenza fra le diversità”. LE DIVERSITA’ COME I MUSULMANI, CHE CONDANNANO RADICALMENTE L’OMOSESSUALITA’, PER ESEMPIO?

    3. sia l’islam che il cattolicesimo condannano non tanto l’omosessualità ma i comportamenti, ovvero il rapporto anale, con uomini o donne. sono visioni mediovali entrambe, ma sono rispettabili, purché non vogliano imporre la loro visione agli altri.

    4. l’omosessualità è illegale in 91 stati ed è un fatto gravissimo. in moltissimi stati islamici ma non tutti (per esempio in egitto non è illegale di per se) mentre nella cattolicissima costarica non è pienamente legale. in moti stati è illegale solo l’omosessualità maschile e non quella femminile. la pena di morte vige in 9 stati.

    5. Alcuni commentatori hanno la sensibilità di un caterpillar… Il clima di omofobia è pesante, provate a vedere come avrebbero reagito in molti paesi civili di fronte a questa notizia.. Anzi: mi stupisce che il sindaco stia zitto!!!!! Complimenti al sito

    6. Curioso il fatto che legga di questa notizia solo qui…Brescia per essere veramente Europea come la vorremmo tutti(politici locali compresi) dovrebbe essere molto più attenta alla sensibilità gay anzi dovrebbe incentivare il loro stato di benessere per migliorarne la qualità di vita!per quanto riguarda le battute idiote lette meglio non commentare..sta di fatto che mio figlio di 8anni ha meno pregiudizi di uomini maturi

    7. Quello che è accaduto i8n Maddalena mi mette molta tristezza, così come alcuni commenti sia di chi la pensa in un modo che di chi la pensa in modo opposto.
      Penso che ciascuno abbia il diritto sacrosanto di esprimere la propria natura ed i propri sentimenti; trovo che sia del tutto normale che due persone etero o meno che siano possano camminare mano nella mano, scambiarsi gentilezze , quello che a me personalmente dà fastidio è l’esagerazione. Non mi piace vedere 2 Persone "amoreggiare! in modo troppo "forte" sotto gli occhin dei tutt

    8. ….continua …
      Proprio perchè l’amore è un sentimento così prezioso ceri atteggiamenti mi piacerebbe "esagerati" mi piacerebbe attenessero alla sfera privata di ciascuno di Noi,
      Capisco poi la "rabbia" di chi si sente da sempre discriminato , che sente di subire la "cattiveria " del Prossimo . però secondo me non è creando leggi ad hoc ( sono contraria alla cd. legge sull’omofobia)perchè , questo è il mio semplice parere,avvalorerebbe l’idea di chi vede gli omosessuali "diversi"se bisognosi di costituire una categoria protetta.
      In ogni caso condanna più assoluta senza se e senza ma a qualsiasi forma di violenza fisica o morale contro chiunque e nel caso di cui stiamo discorrendo, condanna più assoluta nei confronti di chi ha aggredito quei ragazzi

    9. citazione utente non registrato:
      "Brescia per essere veramente Europea come la vorremmo tutti(politici locali compresi) dovrebbe essere molto più attenta alla sensibilità gay anzi dovrebbe incentivare il loro stato di benessere per migliorarne la qualità di vita"
      La sensibilità Gay? incentivare il loro stao di benessere??? cioè scusa in cosa consisterebbe il rapporto loro benessere = benessere società???

    10. …….ma non capisco, si sentono loro i primi ad essere diversi dagli altri, quindi si nasconde questa diversità dando la "colpa" a chi è " normale " ?
      scusa tanto ma io che sono " normale " non mi sento addosso nè colpe perchè non sono un diverso, nè ho indignazione per un fatto che sinceramente mi fa sorridere…..se invece di sentirsi così tanto diversi da dover manifestare, facessero le loro faccende tra le mura private nessuno alzerebbe un velo o clamore…..
      in poche parole, ma chi vi c…….ga

    11. Forse non hai ancora capito che "diverso" non vuol dire "discriminato". Il gatto soriano è diverso da quello bianco e nero: se però uno prende a calci i gatti soriani o dà da mangiare solo a quelli bianchi e neri, discrimina.

    12. Non basta essere "imbufaliti" per averne un buon motivo… Lo si vede ogni giorno con le risse o gli omicidi per banali diverbi sulla viabilità. La verità è che sono quelli che si "imbufaliscono" ad avere spesso qualche problema…

    RISPONDI