Martedì sciopero generale, trasporti a singhiozzo

    0

    In relazione allo sciopero generale nazionale indetto dalla CGIL  nella giornata di martedì 6 settembre 2011 anche i lavoratori di Brescia Trasporti aderenti all’organizzazione sindacale FILT/cgil potranno partecipare all’astensione dal lavoro.

    In particolare è previsto lo sciopero del personale viaggiante nelle seguenti fasce orarie:  

     

    dalle 13,45 alle 16,30

    dalle19,30 alle 21,45

     

     

    Potranno inoltre verificarsi anomalie con eventuali salti di corsa, in alcuni punti della rete, mezz’ora prima e mezz’ora dopo lo sciopero, essendo previsto il rientro in deposito delle vetture. Brescia Trasporti S.p.A. si scusa preventivamente con tutti i suoi utenti per i disagi di cui potrebbero essere oggetto.  Durante il periodo di agitazione potranno essere richieste informazioni al numero 030-3061527

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. 80€ al mese per 12 mesi per quanti milioni iscritti?
      Ecco un’altra tassa che paga il lavoratore italiano…Perche sempre i soliti facciano sciopero e i servizi di cui divrebbe usufruire funzionino ancora peggio del solito….

    2. Esatto , chi non la pensa come Lei deve essere un "utile beota"…..bello questo sentimento di rispetto verso il Prossimo….e soprattutto alto senso di democrazia…….

    3. Che c’entra, anche in democrazia ci sono i furbi ed i meno furbi. I primi si prendono volentieri gioco degli ultimi che, se non vogliono reagire alle ingiustizie, sono responsabilmente complici.

    4. Che c’entra, anche in democrazia ci sono i furbi ed i meno furbi. I primi si prendono volentieri gioco degli ultimi che, se non vogliono reagire alle ingiustizie, ne diventano responsabilmente complici.

    5. Solo che il concetto di furbo o beota è relativo….quello che per Lei è furbizia per un altro non lo è; io per esempio ritengo che i Sindacati e Sindacalisti siano furbi , molto furbi e si prendano "gioco" dei Lavoratori ( per Me ingenui)evidentemente per Lei non è così. Non per questo mi permetterei di definirLa beota o altro. Semplicemente la pensa diversamente da me, ed è giusto che ciascuno abbia il proprio pensiero , le proprie opinioni e che li esprima , possibilmente……rispettando ilpensiero degli altri. Tutto qui.

    6. Solo che io rispetto il pensiero di chi in questo momento è costretto a tirare ala cinghia per pagare la crisi dei soliti furbastri, quelli per intenderci che hanno rovinato il paese sottraendo risorse che invece i soliti noti sono costretti a pagare, lei, invece, fa esattamente il contrario, cerca di arrampicarsi sugli specchi pur di giustificare le responsabilità degli sfasciatori del paese che, sono ben diverse dai lavoratori che sostengono con le proprie tasse il lusso e gli sprechi di lor signori. qui sta tutta la differenza senza prenderci in giro ulteriormente.

    7. Io non difendo nessuno,ma ritengo che ciascuno sia libero di difendere chi vuole. Ma soprattutto trovo sia Lei a non voler rispettare le opinioni altrui,e lo evinco dall’astio con cui si esprime, E, ,da ultimo , scusi non sono abituato a prendere in giro nessuno.

    8. Pensa a lei quando afferma ciò ? Penso proprio sia LEI a farsi prendere in giro (non da me) e a prendere in giro se stesso, Di solito chi parla con così acrimonia di certe cose è perchè è abituato a comportarsi così. Chissà…

    9. Ma guardi che è Lei che li tiene in casa( è talmente preso dal voler avere l’ultima parola che forse non si accorge di ciò che scrive)per cui ….forse saranno i Suoi a guardare i programmi del Signor B.
      Non amo particolarmente guardare la televisione….

    10. Il governo si è già rimangiato l’annuncio di pubblicare i nominativi degli evasori fiscali e di inserire nella denuncia dei redditi i conti correnti bancari. Quando si parla di Unione Europea e dei suoi desiderati non si deve omettere che nei paesi aderenti, l’evasione è pari al 10% di quella che c’è in Italia. Ergo, prima si colpisce laddove il crimine ha prodotto lo sfascio del nostro paese, poi, il resto si vedrà.

    LEAVE A REPLY