Mercati esteri, la Camera di Commercio punta sui paesi Bric. Nuova missione in India

    0

    (da.bac.) Il mercato interno è “ingessato”, quello europeo nicchia e comunque è un ambito nel quale gli imprenditori bresciani oramai si muovono in autonomia. Ecco che allora l’opera della Camera di Commercio e dell’agenzia speciale Pro Brixia si concentra sui mercati stranieri più appetibili (ma anche difficili da intercettare), ad iniziare dai Paesi Bric, acronimo di Brasile, Russia, India e Cina, le quattro potenze economiche che viaggiano a tassi di crescita vicini alla doppia cifra.

    Nei prossimi mesi sono in programma missioni d’affari a Shanghai (18-24 settembre), Mosca (16-19 ottobre), San Paolo (6-10 novembre) e Mumbai (27 novembre-3 dicembre), oltre che due viaggi in Romania e Kazakhstan. Stamane, in via Einaudi, è stata presentata la missione in India: una destinazione suggerita dagli stessi imprenditori attraverso una sorta di test-sondaggio. Perché, dunque, l’India? Banalmente perché "bisogna andare dove il mercato cresce", ha spiegato il presidente Francesco Bettoni. E i numeri indiani sono impressionanti. Il Pil negli ultimi 10 anni è cresciuto ad una media del 7.6%. La crisi pare inoltre non avere inciso sul gigante asiatico dal momento che il tasso di crescita si mantiene attorno all’8% e il Pil annuo si attesta a circa 1800 miliardi di dollari. L’India è inoltre caratterizzata da una popolazione giovane (il 70% ha meno di 35 anni), si calcola che la middleclass indiana arriverà a contare circa 600 milioni di persone entro il 2030 e che nel 2040 il Paese sarà il 5° al mondo per livello di consumi. Insomma, si tratta di un mercato dalle enormi potenzialità per le imprese bresciane. E non a caso sono già 23 quelle che hanno aderito alla missione (le iscrizioni scadono il 23 settembre). Missione “di sistema”, nata – come le altre sperimentate dal 2010 in poi – dall’impegno congiunto di Probrixia, Ubi Banco di Brescia e Aib. Si tratta di strumenti concreti e mirati che stanno riscontrando il gradimento delle imprese. “Siamo convinti che non servano più le missioni promozionali” ha spiegato Bettoni “ma missioni che mettano in contatto le nostre aziende con i mercati stranieri in modo concreto, organizzando incontri e calibrando i contatti in base alle caratteristiche delle imprese”. In sostanza – ha spiegato il direttore generale Massimo Ziletti – la missione indiana prevede due giornate d’incontri d’affari a Mumbai e due a Chennai per un minimo di 8 incontri garantiti per ciascuna impresa partecipante. Contenuto il costo, grazie al contributo della Camera di Commercio: il pacchetto tutto compreso costerebbe 5200 euro che – con il voucher di via Einaudi – si riduce a 1600 più Iva.

    Convinto della bontà della missione anche Alberto Pasotti, vicepresidente di Aib, che ha snocciolato alcuni dati sull’interscambio commerciale tra Brescia e l’India. Nei primi sei mesi del 2011 l’export bresciano verso il subcontinente indiano è stato di 69.3 milioni di euro, con un più 46,9% rispetto allo stesso periodo del 2010 e di oltre il 63% sul 2009. Incrementi ben al di sopra delle cifre regionali e nazionali. Una dinamica che è favorita dal forte interesse indiano per l’automotive, un settore che in India vale 38 miliardi di dollari e che vede Brescia primeggiare in Italia ed Europa. Si tratta infatti di un comparto che, nella Leonessa, fattura 5 miliardi l’anno, coinvolge 20mila addetti per circa 300 aziende e rappresenta il 40% dell’export bresciano.

    Insomma, considerando che “l’unica possibilità per le nostre aziende è aumentare la presenza sui mercati stranieri” ha spiegato Pasotti, l’India pare proprio il mercato giusto per le imprese bresciane. Quel che è certo, ha chiosato Bettoni, è che la Camera di Commercio continuerà a spingere sull’internazionalizzazione (nel 2011 sono state 20 le missioni, contro le 14 del 2010 e le 5 del 2009), puntando dritto sui Paesi Bric e sull’area del sud est asiatico, oltre che sulla Turchia la cui missione ha dato risultati “eccellenti” che hanno portato alla firma di un memorandum di collaborazione con la confindustria turca.  

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY