Idris a Bsnews.it: “A Brescia si vive bene, anche con il centrodestra. Ma non parlatemi più di partiti. Le Rondinelle? Scommetto che torneranno in A”.

    28

    di Andrea Tortelli – “A Brescia si vive bene, anche con il centrodestra. Ma non parlatemi più di partiti”. Fuori dal coro come sempre, Edrissa Sanneh – in arte Idris – è uno dei bresciani d’esportazione (e soprattutto d’importazione) più noti al grande pubblico, avendo frequentato a lungo il mondo della televisione nazionale e locale (“Quelli che il calcio”, “L’isola dei famosi”, ma anche il Tg multietnico di Rtb). Nell’intervista rilasciata a Bsnews, Idris racconta il suo rapporto con la città e con chi la amministra. Senza ovviamente dimenticare il calcio.

    DOMANDA – In un’intervista rilasciata al quotidiano Il Brescia nel 2006 denunciasti che non ti facevano più lavorare in Rai perché “nero e comunista”… E’ cambiato qualcosa?

    RISPOSTA – Quell’intervista provocò un macello. Oggi preferisco essere trasversale e fregarmene di tutti i partiti. Il mio unico partito è la Juventus. In questo mondo preda di guerre per interessi e atrocità, molto spesso mi vergogno perfino di essere un umano.

    D – Ti vergogni anche di essere italiano?
    R – Assolutamente no. L’Italia mi ha dato moltissimo, e non dirò mai come altri che questo è un Paese di m…

    D – Ma di Brescia cosa pensi?
    R – La vedo molto cambiata. Il mio amico Corsini è stato un sindaco avanguardista. Quando ha lanciato il progetto della metro in molti hanno storto il naso per i disagi legati ai cantieri, ma sono convinto che – non appena questa entrerà in funzione – ne beneficeranno tutti e la città diventerà ancora più vivibile. Anche Paroli comunque non scherza e la sicurezza, con il vicesindaco leghista Rolfi, è migliorata. Sono sicuro che nei prossimi anni continueremo a scalare la classifica delle città più vivibili.

    D – Molti immigrati, però, non hanno visto di buon occhio determinati provvedimenti giudicandoli discriminatori. Il Bonus bebè, ad esempio, ha fatto discutere a lungo…
    R – In fin dei conti i giudici hanno dato ragione agli immigrati, anche se poi sono tutti rimasti fregati. Credo che questa vicenda sia stata gestita in maniera maldestra e abbia suscitato polemiche sterili.

    D – Ma cosa pensi del centrodestra, e in particolare della Lega, al governo della città?
    R – Umberto Bossi è un amico e disse pubblicamente: ‘Idris è come me, un uomo coraggioso che dice cose vere”. Anche io apprezzo il suo coraggio e le sue prime battaglie, come quella sulle tasse. Poi ha utilizzato il tema dell’immigrazione come cavallo di battaglia per racimolare voti. Ma dire che non è stata mai fatta una seria gestione politica del fenomeno dell’immigrazione è un dato di fatto, lo dico da immigrato. E allo stesso modo capisco le lamentele di chi vive in zone come la Stazione o San Faustino. La sicurezza è un tema determinante e su questo, sulla paura, le destre europee hanno costruito i loro successi. Quanto a Rolfi, è un giovane che ben incarna l’ultima di generazione di leghisti, che sparano nel mucchio per portare a casa più voti. Detto questo, però, vorrei precisare che dei partiti non me ne frega più nulla: l’importante è che si gestisca bene la cosa pubblica e che non si mettano i cittadini gli uni contro gli altri.

    D – Parliamo un po’ di calcio. Hai ricordato che tifi Juve, ma che ne pensi delle Rondinelle?
    R – Corioni è uno dei pochissimi presidenti che, come Massimo Cellino e Andrea Agnelli, ne capisce di calcio. E sono convinto che la rivoluzione che sta portando avanti con Nani e Maifredi darà i suoi frutti.

    D – Play off quindi?
    R – Promozione diretta in A, sono pronto a scommetterci. Si vede che hanno iniziato con il piede giusto e che la società ha puntato su giovani di valore.

    D – Ma che consigli daresti alla società?
    R – Maifredi, Saurini e Altobelli li vedo tutte le settimane, si metterebbero a ridere se gli dessi dei consigli. A Corioni, invece, direi di andare avanti così. E di portare il Brescia in A, per rimanerci.

    D – Ma tu che vuoi fare da grande?
    R – Credo che diventerò un eremita, da spirito libero amo la solitudine e nel tempo mi sono trasformato sempre più una bestia pensante: il mio futuro lo vedo soprattutto a riflettere.

    D – Non ti candidi in politica quindi?
    R – Me l’hanno proposto in tanti, ma io non sono uno ‘yes man’. Sono un rompiballe ingestibile e per questo non ci voglio nemmeno provare a candidarmi. Me la pense isè, po’ sti che de adess i è arivisti e parassiti. I trumbù l’è mei lasài lè.

    Comments

    comments

    28 COMMENTS

    1. Con questa dichiarazione forse spera di tornare a lavorare in Rai o in altra televisione del cavalliere. La crisi è così dura che costringe tutti ad essere un po’ meno "capitani coraggiosi".

    2. "Col centro destra si vive bene anche a Brescia". Dalla libera interpretazione e di parte, del giornalista di BSNEWS. Leggendo l’intervista, infatti, l’unico riferimento di maggior vivibilità e nelle convinzione che sia migliorata la sicurezza a Brescia. Si sa che la sicurezza è solo una parte relativa della vivibilità di una città, per cui sarebbe meglio che il giornalista fosse più attento a rileggere il pezzo che mi pare non rappresenti proprio il pensiero di Idris visto che le critiche sono assai superiori ad un solo giudizio positivo.
      Da questa strumentale lettura dei fatti, è evidente che poi si da agio ad un certo tipo di commenti fatti da persone che si soffermano solo sul titolo. Mi sembra un’operazione politicamente scorretta che può solo far piacere al partito di riferimento.

    3. x l’ultimo anonimo… ma cosa hai letto? c’è scritto che brescia diventerà sempre più vivibile dopo…. forse dovresti rileggertelo tu il pezzo…

    4. DICIAMO CHE FA DA CONTALTARE ALLA DICHIARAZIONE DI FO,CHE IN TRE MESI MILANO E’ TORNATA SONTUOSA?ma certo li si esaklta un sindaco di centrosinistra…………….

    5. AHAHAH CONCORDO.. QUI NEL FORUM C’E’ GENTE TROPPO INCAZZATA CHE CAPISCE LE COSE COME VUOLE E POI SE LA PRENDE SEMPRE CON I GIORNALISTI…. A ME PARE TUTTO CHIARO

    6. Mi fa ridere a una cosa: un’intervistato dice la sua opinione e qualche lettore troppo interessato se la prende con il giornalista…

    7. ….diventerà più vivibile con la metropolitana…Che, vorrei ricordare è stata voluta da Corsini e che personalmente non ho mai condiviso. Per cui io l’articolo l’ho letto tutto a cominciare dal titolo, contrariamente ad altri che, come spesso capita su questo giornale on line si soffermano al solo titolo per scatenarsi in commenti che poi non corrispondono con quanto c’è nel contenuto. Mi par di capire che ciò faccia parte di una certa strategia. Per cui, contenti voi…

    8. Caro anonimo, secondo te se uno dice che Paroli è tosto, che la sicurezza è migliorata con Rolfi, che a Brescia si vive bene e che nei prossimi anni si vivrà sempre meglio… cosa sta dicendo? che a Brescia si vive bene anche col centrodestra… dillo che ce l’hai con il sito per motivi tuoi e fine…

    9. AAHAH SI DI PARTE, NEL SENSO NON LA TUA … IO VEDO IDRIS CHE DIFENDE PAROLI E ROLFI, MA IN PARTE LI ATTACCA… VEDO UNA NOTIZIA SUL PD… VEDO UNA POLEMICA CHE HA SOLO QUESTO SITO DEL PD CONTRO LA LEGA IN PROVINCIA…. SE QUESTO E’ ESSERE DI PARTE SPERO CHE TUTTI I SITI E I QUOTIDIANI DIVENTINO DI PARTE COME QUESTO

    10. Io non vi trovo affatto di parte…. Vi seguo da una settimana sola, ma vedo che avete "bastonato" tutti e dato notizie che altri si rifiutavano di dare…. Continuate così e avrete guadagnato un lettore….

    11. Io leggo il sito da mesi e la penso come il nuovo lettore…. Ho visto questo sito dare fastidio a tutti…. Spero che continuino così… E che continuino a fare cose diverse dai giornali…… Chi dice altro si sbaglia..

    12. ahahaha questo sito è fantastico… quelli di destra lo accusano di essere di sinistra, quelli di sinistra di essere di destra…. e prima o poi arriveranno pure i centristi a dire che è di destra o sinistra…. BRAVI, CONTINUATE A FARLI INCAZZARE TUTTI. BASTA STAMPA OMOLOGATA E ASSERVITA

    13. Non di tutta la lega, bensì di una parte di essa. Basta vedere come è stato trattato poco benevolmente un suo candidato. Vogliamo provare a pensare di chi si sta parlando? Via al sondaggio.

    14. Ma tutte ‘ste risposte alla ex dc, per piacere a tutti, gliele hanno messe in bocca, le ha imparate in Italia, o sono retaggio della profonda cultura dei fratelli (nostri) africani?

    LEAVE A REPLY