“Per…corri la pace!” In bici o in pullman da Brescia a Perugia

    0
    Bsnews whatsapp
    A piedi, in bici o in pullman. Ogni mezzo è buono per raggiungere Perugia dove, domenica prossima, partità la 50esima edizione della marcia della pace. Per questo anche a Brescia si è deciso di fare le cose in grande: Acli, Azione Cattolica, Agesci, Pax Christi e Consulta della Pace del Comune di Brescia propongono "Per…Corri la pace", tre diverse modalità per raggiungere l’Umbria. 
    "Brescia-Assisi 22-25 settembre 2011. A cinquant’anni dalla prima Perugia-Assisi organizzata da Aldo Capitini il 24 settembre del 1961" si legge in una nota delle Acli. "Un anniversario importante che vogliamo celebrare partendo dalla nostra città. La costruzione della pace non può che cominciare dalle nostre città, dai luoghi dove la gente vive e si impegna a cercare risposte concrete alle tante crisi che stiamo vivendo".
     
    DI CORSA… alla Perugia-Assisi
    Un gruppo di "runners" partirà giovedì 22 settembre da Brescia e dopo una maratona di 48 ore, nella mattinata di sabato 24 raggiungerà la città di Assisi. Una corsa no-stop, non per compiere un’impresa o per battere qualche record, ma per lanciare un messaggio di pace.
     
    IN BICI… alla Perugia-Assisi
    PEDALANDO PER LA PACE
    Partenza giovedì 22 settembre; arrivo a Perugia nel pomeriggio di sabato 24; rientro – in pullman – domenica 25 in tarda serata.
    tre tappe: Brescia-Ferrara (165 km), Ferrara-Pesaro (180 km), Pesaro-Assisi (135 km). Iscrizioni presso le Acli  provinciali – via Corsica, 165 Brescia –  0302294012 – andrea.franchini@aclibresciane.it  – quota: 120 euro.
    La proposta è aperta a tutti (tranne a chi viaggia con bmx o graziella)
     
    IN PULLMAN… alla Perugia-Assisi
    PROPOSTA UNO – Due giorni con visita a BARBIANA
    Partenza ore 6.00 di sabato 24 settembre. In mattinata sosta e visita a Barbiana, pranzo al sacco; nel pomeriggio arrivo a Perugia e sistemazione in albergo. Possibilità di visita alla città. Domenica 25 partecipazione alla marcia; rientro previsto in tarda serata. 
    quota € 90,00 (comprensiva di viaggio e sistemazione in albergo con trattamento di mezza pensione). Iscrizioni entro venerdì 29 luglio presso il circolo Acli di Castenedolo tel. 0302732825
    PROPOSTA DUE 
    Partenza ore 23.00 di sabato 24 settembre, rientro previsto nella tarda serata di domenica 25. Quota di adesione € 15,00. Iscrizioni presso l’Azione Cattolica diocesana via Tosio, 1 Brescia, 03040102; info@acbrescia.it
     
     
     

    "Come gruppi, associazioni, movimenti, soggetti istituzionali bresciani che hanno aderito all’invito dei promotori della Marcia della pace Perugia Assisi" si legge in un volantino di presentazione dell’iniziativa "proponiamo a ogni partecipante i seguenti interrogativi:

    È giusto continuare a spendere 24 miliardi di euro all’anno per le spese militari?

    Niente è più inutile di una portaerei, un sommergibile o un cacciabombardiere per proteggere i cittadini dalla criminalità organizzata, dal terrorismo, dalla corruzione, dalla disoccupazione o dall’inquinamento. Crediamo che sia possibile aumentare la sicurezza diminuendo le spese militari e aumentando quelle civili, sociali, educative, culturali e produttive.  Si potrebbe partire dalla cancellazione del programma di acquisto dei 131 cacciabombardieri F-35 (costo complessivo preventivato:14 miliardi di euro). Mentre nel 2010 la spesa militare mondiale raggiungeva i 1.630 miliardi di dollari, con 44 miliardi di dollari si potrebbe sfamare il mondo intero! Meno dell’1% della spesa per le missioni “umanitarie” all’estero è destinato per il sostegno ai civili. Facciamo nostro l’appello del Presidente Pertini: "Si svuotino gli arsenali, strumenti di morte, e si colmino i granai, strumenti di vita". Chiediamo a ciascuno di noi scelte coerenti e adeguate a queste indicazioni e a quei dimenticati “obiettivi del millennio” come pratica quotidiana di rispetto e promozione di dignità e vita. 

     

    Possiamo ancora permetterci di vivere in una città che finge di non vedere e considerare concittadini 40 mila persone su 190 mila (una su cinque)? 

    L’integrazione non è una strada a senso unico che deve percorrere solo l’immigrato. È anche un cammino della società che lo accoglie. Difendere i diritti per tutti è chiedere l’apertura di una nuova fase che ponga fine alla logica dello scontro e faccia prevalere le ragioni dell’incontro e del dialogo. La pace è convivenza e confronto con i problemi e i conflitti tra Nord e Sud del mondo, tra oriente e occidente. Se Brescia vuole raggiungere e superare i 200 mila abitanti (come prevede il nuovo Piano di Governo Territoriale), non potrà farlo se non partendo da quella realtà non cancellabile rappresentata dai nuovi cittadini/stranieri, e quindi dall’esigenza di un piano urbanistico che ne raccolga bisogni ma anche potenzialità creatrici di nuovo sviluppo sociale, culturale e produttivo.

     

    Rinchiudere in carcere chi ha sbagliato deve essere una condanna a una vita disumana? 

    La situazione carceraria bresciana è fra le peggiori della Lombardia. Canton Mombello è letteralmente invivibile. Le galere sono sempre meno strumenti di rieducazione e sempre più contenitori di disperati ed emarginati. I tanti suicidi e le migliaia di episodi di autolesionismo, mostrano una situazione resa più grave da una legislazione incapace di affrontare il problema. Chiediamo che anche a Brescia si apra una seria riflessione che coinvolga le parti sociali, politiche e educative, partendo dal documento proposto ai due rami del Parlamento da Magistratura Democratica, Associazione Antigone, Ristretti Orizzonti e Coordinamento nazionale dei Garanti dei detenuti.

     

     

    Com’è possibile pensare a un’educazione alla pace e alla giustizia?

    Come ci ricorda il preambolo della Costituzione dell’UNESCO (1945): “Poiché le guerre cominciano nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che si devono costruire le difese della Pace", e anche Don Milani citava: “El niño che non estudia non es un buen revolucionario”. Non si fa la pace con i corsi paramilitari offerti ai ragazzi delle scuole superiori, con una “mini naja”. Nonviolenza è la prima delle sette parole-chiave della marcia Perugia-Assisi. Parole chiave per un percorso educativo rivolto ai giovani. Le altre sono: Libertà, Diritti umani, Pace, Giustizia, Speranza e Responsabilità. La mente dei giovani va allenata a coniugare la pace con la giustizia e la solidarietà, il rifiuto della logica delle armi e la nonviolenza. Ci si deve educare a uno stile di vita meno consumista, a una passione al servizio gratuito alla società, alla ricerca della verità e della riconciliazione, allo studio per ricostruire la fiducia reciproca dopo le ferite dei conflitti violenti. Per questo vorremmo che i partecipanti alla marcia, in particolare le giovani generazioni, approfondissero e riflettessero su questi temi. 

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    RISPONDI