Delitto di Marcheno, confermato l’ergastolo per Brandi

    0

    Uccise la ex convivente con una fucilata, e anche al termine del processo di secondo grado la sentenza è stata quella dell’ergastolo. Lo ha deciso ieri sera la Corte d’assise d’appello di Brescia – presidente, Enrico Fischetti – nei confronti di Raffaele Brandi. Come già accaduto in occasione del giudizio di primo grado, celebrato nel settembre 2010 con il rito abbreviato, l’imputato si è visto infliggere una pena più pesante di quanto richiesto dall’accusa. Un anno fa il pm chiese la condanna a 18 anni e invece arrivò l’ergastolo; ora in appello il procuratore generale aveva chiesto 30 anni, ma anche questa volta la sentenza è stata ergastolo.

    Brandi, 47enne originario di Napoli, il 27 luglio 2010 uccise con una fucilata Rossana Di Leva, 37 anni, la donna con cui viveva e che un mese prima se n’era andata di casa. Un distacco mai accettato dall’uomo, al quale è stato contestato l’omicidio con l’aggravante della premeditazione e anche lo stalking. La donna dopo molte insistenze era tornata nell’abitazione di Marcheno per un chiarimento, ma la situazione degenerò. Brandi fece fuoco, una sola e mortale fucilata all’addome. L’omicida chiamò quindi il figlio ventenne per consegnargli del denaro, poi si dileguò. Quella stessa sera però si costituì ai carabinieri di Rozzano, nel milanese.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY