Pozzolengo: perse il braccio in una caduta, il comune deve risarcire con 1 milione di euro

    0

    Con la sua moto stava percorrendo la strada della Roveglia, che da Simione porta a Pozzolengo. Procedeva entro i limiti di velocità consentiti, a circa 90km orari. All’improvviso nell’affrontare una curva la careggiata ricoperta di fango e terriccio diventa scivolosa, le ruote incappano in una fessura nell’asfalto, la moto perde aderenza e cade. Lui fa uno scivolone di oltre 70 metri e si ferma sotto al guard-rail, danneggiato in un precedente incidente e divenuto talmente tagliente da amputargli di netto il braccio.

    Tutto questo è accaduto 7 anni fa a un motociclista di Sirmione, che mercoledì scorso è stato dichiarato vittima dell’incuria da parte del Comune di Pozzolengo. Il giudice Tullio Pezzotta dopo aver sentito tutti i periti del caso ha stabilito che il Comune è diretto responsabile per l’incidente del centauro, che conosceva la strada e stava procedento ad una velocità consentita dal codice. L’unica sua colpa è stata quella di aver trovato fango sull’asfalto, di essere incappato nella fessura e poi di aver sbattuto contro un guard-rail danneggiato.

    1 milione e 46mila euro il risarcimento per il centauro (danno biologico e morale), 205mila ai suoi genitori (danno patrimoniale) e in più ovviamente la copertura delle spese di avvocatura e processuali. In totale più di 1milione e 250mila euro di risarcimento che il comune di Pozzolengo dovrà da qualche parte trovare. Ma prima ci potrebbe essere l’appello.
    a.c. 

     

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome