Pisogne, il Pdl all’attacco: atti intimidatori e clima pesante per colpa della sinistra

    0

    "Ancora una volta siamo alle prese con l’intolleranza e la violenza di una sinistra schiava dei vecchi retaggi radicati più nella lotta distruttiva che nel dialogo intelligente. Il caso di Pisogne fa riflettere. Ci si chiede come sia possibile che il Pdl, ma anche la comunità locale, siano costretti a subire continuamente attacchi palesi senza che l’amministrazione comunale dica o faccia qualcosa". Con queste parole Viviana Beccalossi – vicecoordinatore regionale e coordinatore provinciale del Pdl – stigmatizza e condanna "i gravi atti vandalici e il pesante clima che si respira a Pisogne da qualche mese". "La campagna diffamatoria e intimidatoria dell’estrema sinistra è ormai evidente dalle dichiarazioni che si leggono sui volantini e, purtroppo, anche sulle mura di vie, sottopassi, chiesa, monumenti. Ancora non si conoscono i responsabili di questi atti ma garantisco il mio impegno, come quello di tutto il Pdl locale e delle autorità preposte, per mettere in chiaro definitivamente questa situazione, e per porvi fine". "Esprimo la mia solidarietà all’intera comunità di Pisogne, all’Arma dei Carabinieri e alla Chiesa locali per quanto accaduto – conlcude Vviana Beccalossi -. Voglio sollecitare, inoltre, l’amministrazione comunale ad agire con le modalità a disposizione per fronteggiare questo disagio sociale con la giusta determinazione". “Gli avvenimenti accaduti in questi ultimi mesi – spiega Diego Invernici, consigliere comunale a Pisogne e capogruppo Pdl in Provincia – non possono essere relegati al comportamento isolato o alla ragazzata di qualche giovane incivile. Gli atti vandalici, di marcata provenienza ideologica di sinistra, insieme alle manifestazioni e volantini dal contenuto diffamatorio contro esponenti del Pdl di Pisogne, sono episodi che testimoniano come a Pisogne ci sia un clima di intolleranza e di violenta contrapposizione ideologica perpetuato da chi, con comportamenti antidemocratici, vuole contrastare il pensiero non condiviso con metodi che richiamano alla memoria i tempi bui degli anni di piombo. E’ necessario che a Pisogne, coloro che rappresentano la cittadinanza nell’Amministrazione Comunale, condannino in maniera unitaria ed isolino coloro che manifestano la loro diversità di pensiero in maniera incivile e violenta, nei modi e nelle parole”.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. coloro che fanno i paladini della democrazia e della tolleranza, dimostrano quanto siano intolleranti, antidemocratici nei confronti delle persone, delle istituzioni e dei partiti che la pensano in maniera diversa dal pensiero unico massimalista. Fermiamo la sinistra violenta ed intollerante con gli strumenti che la democrazia ci offre!!!!

    2. cosa è successo a bisogne? io non abito lì e non capisco. si leggono i commenti di condanna di fatti che non vengono riportati. campagna diffamatoria? cioè? diteci e fateci capire. così magari possiamo unirci alle condanne a ragion veduta.

    3. A Pisogne sono stati imbrattati in ordine: monumeni dei carabinieri, sede PDL, sottopasso nuovo e vecchio che collega la strada principale alla passeggiata a lago, la chiesa, la banca…..cn scritte contro l’arma dei carabinieri, la chiesa, le banche, il PDL, il presidnete del consiglio etc…Il tutto firmato con simboli riconducibili alla sinistra. A ciò sono stati distribuiti volantini da una associazione di sinistra che accusa esponenti del PDL di squadrismo fascista, di razzismo, intolleranza etc.: le solite demagogiche falsità. Per chiudere un video su youtube diffamatorio nei confronti di esponenti del PDL locale….serve altro per chiedere la condanna di questi gesti da parte degli amministratori che governano Pisogne?

    LEAVE A REPLY