Occhi puntati a Roma: gli onorevoli bresciani chiedono di sbloccare i fondi

    0

    Un’azione comune di quattro parlamentari (di cui tre amministratori) per chiedere alla Camera di sbloccare i fondi promessi dal Cipe, e finora mai arrivati.

    Questi soldi, si parla di 120 milioni, 40 assegnati nel 2006 e 80 assegnati nel 2010, servono a Brescia Mobilità, anzi sono indispensabili, e servono subito. E’ per questo motivo che Adriano Paroli, Daniele Molgora, Giuseppe Romele e Davide Caparini hanno fatto approvare alla Camera un punto all’ordine del giorno tramite il quale chiedere l’elargizione dei fondi. Il finanziamento è stato approvato dal Cipe in via definitiva nel luglio 2010, ora sarebbe tempo di riscuotere.

    Il sindaco di Brescia a Bresciaoggi, edizione in edicola stamane: «Stiamo facendo il possibile per ricevere i finanziamenti necessari alla realizzazione della metropolitana. Brescia ha bisogno di risorse per completare un’opera estremamente impegnativa e gravosa per i conti pubblici. In un momento di grande crisi economica internazionale e di difficoltà per gli enti locali, i parlamentari bresciani hanno fatto quadrato per raggiungere un risultato concreto. Il contributo del Cipe consentirebbe infatti di terminare i lavori nei tempi stabiliti, risolvendo una parte dei problemi finanziari che da anni gravano su questa opera».
    a.c.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Ai signori Deputati è necessario fara sapere che i soldi che chiede Paroli poi li vuole spendere CONTRO la metropolitana, costruendo dannosi posteggi sotto il castello, dannose sedi comunali ecc… Dategli i soldi, ma con la clausola di rinunciare alle opere faraoniche preannunciate.

    2. Sono argomenti separati: ovvio che quei soldi saranno destinati alla metropolitana, piuttosto mi chiedo perchè Corsini ed i Suoi sodali che ci hanno lasciato in eredità questa "utilissima" opera e soprattutto i relativi debiti oltre alle chiacchiere non si spendano per arginare la voragine del debito metropolitana

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome