Battuta d’arresto per l’inflazione. A settembre calano i prezzi al consumo

    0

    A sorpresa, rispetto a quanto verificatosi nei mesi scorsi, l’inflazione a Brescia registra a settembre una battuta d’arresto. Il tasso congiunturale, infatti, segna un -0,4% (analogamente a quanto avvenuto nel settembre 2010). Il tasso tendenziale però, per effetto del trend inflativo ereditato dal periodo precedente, resta stabile a +3,1% come il mese scorso (il livello più elevato registrato da ottobre 2008). Anche gli indicatori di trend non subiscono variazioni e segnalano il perdurare di prospettive inflative. I capitoli che registrano l’andamento inflativo maggiore sono l’”Abbigliamento e calzature” che registra, dopo una lunga fase di stasi, l’aumento congiunturale più elevato da aprile 2005 e il tasso tendenziale più elevato da ottobre 2003. In aumento anche il capitolo “Istruzione” e “Altri beni e servizi”. In sensibile diminuzione, sul mese scorso, il capitolo “Trasporti”, “Comunicazioni” e “Ricreazione e spettacoli” che godono però degli effetti benefici di fattori stagionali. All’interno di ciascun capitolo, infatti, si registrano andamenti di prezzo contrastanti.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome