In Piazza Paolo VI “La realtà sa di pane” (buono)

    0
    Bsnews whatsapp

    “La realtà sa di pane”. Ed è una realtà fatta di sacrificio ma anche di grandi soddisfazioni perché “il pane artigianale fresco è sinonimo di genuinità”. E’ questo il nome scelto per la seconda edizione della festa promossa dal Sindacato Panificatori della provincia di Brescia, con il contributo di Associazione Artigiani e Banca Credito Cooperativo di Pompiano e Franciacorta, patrocinata dagli assessorati alle Attività produttive di Comune e Provincia di Brescia, da Ufficio scolastico regionale e Camera di Commercio.

    Piazza Paolo VI, da martedì 11 a domenica 16 ottobre, si trasformerà in una bottega artigianale, dove i bambini potranno letteralmente mettere “le mani in pasta” e tutti saranno invitati a riscoprire sapori tradizionali che vedono il pane come elemento fondamentale per l’alimentazione di giovani e adulti. Una grande tensostruttura, alla quale si potrà accedere liberamente dalle 8 alle 20, ospiterà un laboratorio attivo con il forno e tutta l’attrezzatura necessaria alla lavorazione del pane. L’inaugurazione ufficiale con le autorità cittadine avrà luogo martedì 11, alle 16. Le mattinate saranno poi dedicate, su prenotazione (tel. 030.2209811, e-mail cait@assoartigiani.it, due classi al giorno), alle scuole elementari che avranno aderito all’iniziativa. I fornai spiegheranno ai bambini come viene prodotto il pane, proporranno loro di manipolarlo e distribuiranno le schede didattiche appositamente predisposte dal Sindacato per poter in seguito riprendere l’esperienza sui banchi di scuola, mentre il pomeriggio produrranno, ai fini di degustazioni pubbliche che si terranno quasi sempre alle 18, pane, focacce e pizze. Nessun dolce invece, per scelta degli organizzatori. Si comincerà l’11 con le abbinate “pane e fichi”, “pane, uva e noci”, “pane e cachi”, mercoledì 12 sarà la volta di “pane e latte”, giovedì 13 “pane e formaggio”, il 14 “pane e marmellata”, “pane, burro e zucchero”, “pane e miele” (alle 16), “pane e salame” (alle 18), per concludere sabato 15 con “pane e olio”.

    Sempre il 15, alle 16, si terrà un incontro informativo sul progetto “Con meno sale nel pane c’è più gusto…e guadagni in salute” (in collaborazione con l’Asl di Brescia), mentre domenica 16, alla stessa ora, la farà da padrone “El pà en vèrs”, una lettura di poesie dialettali riferite al pane. In occasione della manifestazione le offerte che i visitatori liberamente offriranno verranno devolute al Centro Aiuti per l’Etiopia, onlus fortemente impegnata nel Corno d’Africa, dove le carestie, ed ora la siccità, causano ogni giorno la morte di oltre mille bambini.

    “L’intento della festa è consolidare il rapporto tra fornai e consumatori promuovendo il pane fresco, cotto al mattino e venduto in giornata, come base per una sana alimentazione mediterranea – spiega Francesco Mensi, presidente del Sindacato Panificatori -. Un prodotto genuino e di alto valore nutrizionale seppur poco pubblicizzato, molto diverso dal pane precotto o surgelato che si può trovare sul mercato”. Il Sindacato, che aveva organizzato un’analoga manifestazione tre anni fa in piazza Tebaldo Brusato conta oggi circa 200 iscritti per un totale di 500 fornerie in provincia ed è attualmente impegnato nella battaglia contro l’apertura domenicale. “Quello del fornaio è un lavoro duro, artigianale, da svolgere nelle ore notturne, condotto quasi sempre a livello familiare e che non gode di molta attrattiva per i giovani – prosegue Mensi -. L’apertura domenicale ne decreterebbe la fine”. Nel frattempo sarà in ogni caso possibile conoscerlo meglio e degustarne i frutti dall’11 al 16 ottobre, in piazza Paolo VI. Dove la realtà saprà di pane.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    RISPONDI