San Zeno. Catturato poche ore dopo la rapina: era fuori prigione solo da un mese

    0

    (a.c.) Una sorta di specializzazione e predilizione per le rapine in banca. E’ quella di Giampietro Losio, 49 anni, senza fissa dimora. A parte il carcere, si potrebbe aggiungere.

    Losio è uscito da galera solo a settembre, dopo aver scontato la pena per una rapina in banca, ovviamente. Martedì intorno all’ora di prazo, erano le 12.30, si è presentato all’ingresso della filiale del Credito Cooperativo dell’Agro Bresciano di San Zeno, è entrato indossando un parrucchino e una volta superata con tranquillità la bussola girevole ha calato sul volto una calzamaglia, ha estratto da tasca un taglierino e si è presentato allo sportello, non senza aver preso con sé in ostaggio una cliente della banca, una immigrata russa. 

    Vista la minaccia del taglierino puntato contro la povera donna, l’impiegato dello sportello non ha opposto resistenza ed ha attivato il servizio temporizzato di apertura della cassaforte: peccato però (per il rapinatore) che il sistema ci impieghi diversi minuti, e nel frattempo l’ostaggio in preda all’agitazione sia svenuto e si sia accasciato a terra. A quel punto Losio ha abbandonato i suoi propositi e se l’è data a gambe: una volta fuori dalla filiale a bordo di uno scooter (rubato a Pralboino) ha imboccato la direzione Brescia.

    L’ingresso e l’uscita dalla banca è stato visto da un passante, che mentre Losio era in filiale per il "prelievo" ha lanciato l’allarme ai carabinieri: la pattugia ha intercettato il rapinatore alle porte della città.

     

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY