Rapina in una sala giochi della Stazione. Proprietario legato e imbavagliato

    4

    E’ rimasto legato ed imbavagliato per un paio d’ore il titolare di un negozio di videogiochi in via Solferino che, questa notte, è stato rapinato. L’uomo, un cittadino cinese del 1968, stava dormendo all’interno del negozio stesso, quando, uditi dei rumori provenienti dalla porta che, nel retro del negozio, dà accesso al cortile condominiale, si è alzato per verificare cosa stesse accadendo. Due uomini, entrambi con volto travisato, hanno fatto ingresso nel negozi da una porta laterale aperta, e hanno immobilizzato l’uomo legandolo del nastro adesivo. Prelevata la somma in contanti di 1.200 euro dalla tasca del giubbino dello straniero, i rapinatori hanno forzato le macchinette del videopoker e trafugato il denaro che era in esse e quello che era all’interno di un cassetto. Ancora da accertare l’ammontare complessivo della somma asportata. La vittima, immobilizzata, dopo un paio d’ore è riuscita a farsi sentire da uno dei condomini il quale ha avvisato il 113. Gli agenti della Squadra volanti, giunti sul posto, hanno immediatamente soccorso il negoziante, tranquillizzandolo e chiamando il 113. Dimesso questa mattina dal pronto Soccorso, l’uomo ha riportato pochi giorni di prognosi per contusioni. Le indagini proseguiranno condotte dalla Squadra Mobile.

    Comments

    comments

    4 COMMENTS

    1. eh già tutti i marocchi che gravitano intorno alla stazione sono mungitori e badanti: ahahahaha hahahahahahaha hahahahahahahahh ahaahhaha battuta dell’anno!complimenti!

    2. Complimenti a te, che ridi tanto. Hai proprio capito tutto: mungitori e badanti non frequentano la stazione per fare casini, ma LAVORANO. Battuta dell’anno, eh? Solo uno che ha capito tutto può scrivere che tutti gli stranieri vanno "deportati" fuori dall’Italia.

    LEAVE A REPLY