Servizio civile negato a una studentessa albanese, in Italia da 15 anni. Ricorso della Cgil

    0

    L’Associazione Studi Giuridici sull’immigrazione e la Fondazione Guido Piccini per i diritti dell’Uomo, con il sostegno della Camera del Lavoro di Brescia, hanno depositato al   tribunale di Brescia un ricorso a sostegno della richiesta di una giovane studentessa albanese iscritta alla facoltà di Giurisprudenza che, pur essendo residente in Italia da oltre 10 anni, non può svolgere il servizio civile volontario essendo priva della cittadinanza italiana.

     

    È la prima volta che un giovane straniero agisce non tanto per rivendicare una prestazione o un servizio, ma per poter adempiere un diritto/dovere, quello di "difendere la patria" intesa come collettività di persone che vivono stabilmente su un territorio e che sono legate tutte, senza distinzioni di cittadinanza formale, da un unico vincolo di solidarietà. Attualmente l’art. 3 dlgs 77/02 prevede che ai bandi per essere ammessi al servizio civile (cui accederanno quest’anno 10.000 giovani, ma il mondo del volontariato richiede da tempo un ampliamento del numero di ammessi) possano partecipare i "cittadini italiani", ma le organizzazioni ricorrenti ritengono che detta previsione debba essere interpretata alla luce del generale principio di parità fissato dall’art. 2 del Testo Unico sull’immigrazione e ribadito con forza da recenti sentenze della Corte Costituzionale; ritengono pertanto che già allo stato degli atti il Giudice possa sancire l’obbligo per il Dipartimento del servizio civile di riaprire il bando (che si è chiuso venerdì scorso) agli stranieri, o quantomeno ai comunitari. In subordine chiedono che il Giudice rimetta la questione alla Corte Costituzionale affinché venga valutato in quella sede il contrasto tra detta esclusione e gli articoli 2 e 3 della Costituzione.

     

     

    Certo è che, attualmente, il servizio civile rappresenta per molti giovani una occasione importantissima di crescita umana e professionale e di partecipazione alla vita collettiva, sicché l’esclusione da esso di giovani che sono nati sul nostro territorio o che vi vivono da molti anni rappresenta una evidente irragionevolezza e un ulteriore inutile ostacolo all’integrazione. L’azione legale intende anche richiamare l’attenzione sul fatto che molti dei giovani interessati a questa rivendicazione sono "stranieri" solo a causa di una legge sulla cittadinanza ingiusta e antiquata e si collega quindi alla campagna "Italia sono anch’io" (alla quale Asgi, Fondazione Piccini e Cgil hanno aderito) per una proposta di legge di iniziativa popolare in tema di cittadinanza. Analogo ricorso è stato presentato a Milano da un giovane pakistano con il sostegno di Asgi, Avvocati per Niente, Cgil e Cisl di Milano. 

     

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Altro intervento della CGIL inutile e controproducente (x le organizzazioni stesse coinvolte nel ricorso).
      Gradirei sapere perchè nessun straniero si offriva volontario per il servizio di leva obbligatorio.
      Inoltre gradirei sapere perchè al concorso per accedere alla Magistratura bisogna avere la cittadinanza italiana (per ora).
      E perchè le suddette associazioni non presentino ricorso.

    2. donkey, se ci mettessimo a citare le frasi della nostra Sacra Bibbia saprai bene che potrebbero arrivare brutte sorprese; è che la leggiamo poco, sarebbe invece molto istruttiva…

    3. La differenza e’ che, a parte qualche povero Testimone di Geova rompiballe (redazione scusa) col campanello ma inoffensivo, nessuno qui fa (piu) politica o cerca di realizzare i "piani" e le ‘visioni" della Sacra Bibbia, che da tempo viene vista per quello che e’.
      Il "loro" libro, invece oggi e’ ancora fonte di ogni politica e ogni "verita’". La frase di quell’ intellettuale egiziano comunque e’ del 1965 A.D., non B.C. tanto per chiarire.
      Forse la cosiddetta ‘primavera araba", coi bagni di sangue che portera’, fara’ aprire gli occhi sull’islam alle nostre anime belle…

    4. Attenzione, però: tu mi citi un esponente radicale dei Fratelli Musulmani (peraltro condannato a morte, correggimi se sbaglio). Vuoi che io citi uno del Ku Klux Klan e dica che il mondo occidentale sia da questi rappresentato? Sul fatto che nessuno intenda realizzare i "piani" della Sacra Bibbia, avrei qualche dubbio: mi limito a ricordarti comunque che la ricorrente citazione delle "radici cristiane" (anche ad opera di chi ne sarebbe davvero poco degno), per quanto io e te possiamo capire sia strumentale, non è un tema di secondo piano…

    5. Il punto è che siamo circondati da una sorta di razzismo moderato che, sullo specifico argomento, potrebbe anche risparmiarsi degli inutili commenti. Solo che cominciano sempre con la frase di circostanza: premesso che non sono un razzista, però………

    6. Concordo con Donkey Schott. Il nuovo capo della Libia ha detto che la Sharia è la legge fondamentale dello Stato (nel senso kelseniano del termine, per chi intende).

    7. l’islam non c’entra proprio nulla con la notizia. qui si solleva la questione se il servizio civile (non militare) possa oppure no essere svolto da cittadini non italiani: ovvero comunitari ed extracomunitari. mi sembra una questione che possa essere dibattuta con tutta tranquillità. perché no?

    8. Perchè dibattere in tutta tranquillità significherebbe conoscere i problemi e impegnarsi a discutere delle possibili soluzioni, che possono poi essere tranquillamente diverse. Invece buttarla in caciara – come sempre – serve a non affrontare i problemi o a coprire l’ignoranza di chi non sa nemmeno di cosa si sta parlando ma deve sempre trovare un "nemico" a cui dare la colpa…

    LEAVE A REPLY