Deputato o sindaco? Paroli potrebbe essere costretto a scegliere prima di Natale

    0

    Adriano Paroli potrebbe essere costretto a dimettersi nell’arco di poche settimane. Il presidente della Giunta per le elezioni della Camera Maurizio Migliavacca, infatti, proporrà oggi di dare rapida attuazione alla sentenza della Corte costituzionale che prevede l’incompatibilità tra le cariche di sindaco e parlamentare. Un orientamento che ha già trovato la condivisione del presidente del comitato per la verifica delle incompatibilità Pino Pisicchio (Idv). Una volta presa la decisione i deputati-sindaci (tra cui, appunto, Paroli) avranno 30 giorni per decidere se mantenere lo scranno a Montecitorio o optare per la fascia tricolore.  

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. il sindaco ha già detto che sceglierà Brescia. Ottimo. Ci vuole un’ulteriore svolta per questa città e lui erolfi sono gli unici che la possono dare.

    2. Speriamo resti a Roma altrimenti che ne sarebbe della candidatura di Rolfi a sindaco, al quale basterebbe superare l’esame di idoneità per diventarlo, esame che supererà facilmente se, oltre a perseguire le paripatetiche, riuscisse a mettere il naso sotto le coperte dei bresciani.

    3. paolo fischio persona serie si vede che non ha visto il sondaggio del Corriere della Sera della settimana scorsa sul gradimento della Giunta e soprattutto di Rolfi…

    4. So che è un primato ambito ma è certificato che la peggiore giunta mai sopportata da questa città è stata l’ultima amministrazione Corsini.
      Ricordo alcune grandi intuizioni: svendita di A2a, costruzione di una metropolitana che poco servirà ma tanto è costata, quasi un miliardo (e non ho sbagliato a scrivere!) di euro dei Bresciani. Il centro abbandonato, le attività culturali depresse.
      Per fortuna che i bresciani l’hanno capita e hanno votato Paroli. E per fortuna che ha scelto di rimanere sindaco e non fare più il parlamentare.

    5. Consiglio a Paroli di godersi il venticello di Roma : a Brescia l’aria è molto inquinata. E la giunta continua a riempire la città di auto.

    LEAVE A REPLY