Articolo 51 contro la Regione: giunta maschilista

    6

    Con una nota l’associazione Articolo 51 attacca la Regione Lombardia accusandola di maschilismo per non aver rispettato “l’equilibrio di genere”, mettendo una sola donna in giunta (la leghista bresciana Monica Rizzi) e trattandola di fatto “come un assessore di serie B”.

    ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO:

    Ass. Articolo 51 Laboratorio di Democrazia Paritaria firmataria dell’Appello promosso in Consiglio di Stato contro il 15 a 1 espresso dalla Giunta Lombarda non rispettoso dell’equilibrio di genere, è costretta a prendere posizione ancora una volta contro comportamenti che ledono e discriminano le donne anche da parte dei consiglieri regionali.

    Siamo costrette a sottolineare che , anche fra alcuni consiglieri dei partiti di maggioranza serpeggia una sottile vena di maschilismo. Il Consigliere regionale Fabrizio Cecchetti, Lega Nord, ha pubblicato, all’interno del proprio sito internet un opuscolo che con precisione illustra il lavoro svolto dall’Aprile 2010 ad oggi ,dagli assessori espressione della Lega Nord in Giunta Regionale: di tutti , tranne che dell’assessore Monica Rizzi, l’unica donna presente in Giunta, fra l’altro collega di partito del Consigliere. Siamo propense a pensare che sia stato un errore di impaginazione, che non ci fosse una volontà discriminatoria nei confronti dell’Assessore Rizzi, né che il Consigliere abbia pensato che esistano Assessorati di serie A e di serie B, certo non ci è piaciuto non vedere riconosciuto il lavoro dell’unica rappresentante donna, quasi l’essere donna non la ritenesse degna di considerazione per il lavoro fin qui svolto. Vogliamo credere ad un disguido tecnico a cui presto si porrà rimedio. Il Consigliere Cecchetti dovrebbe,inoltre, sapere che, qualora il giorno 8 Novembre la Camera di Consiglio, per il nostro appello, decidesse in favore di una “sospensiva” , l’unico assessore non sospeso risulterebbe essere la collega di partito Monica Rizzi.

    La Presidente

    Dott.ssa Angela Ronchini

    Comments

    comments

    6 COMMENTS

    1. geloso? invidioso? o forse xche è un sinistroide? signore mai giudicare se non si è a conoscenza delle cose giudicare e segno di debolezza e incapacità

    2. Non per intromettermi in cose che nemmeno mi interessano, ma dire ad uno che è "geloso, invidioso o forse sinistroide" non anche quello è giudicare senza conoscere?

    3. chiedo scusa rispondere è giusto ma le mie erano domande non affermazioni tutto con ?????????? io non giudico ma rispondo a cose che leggo sia da una parte che dall’altra il signore in questione forse giudica senza leggere o non legge altri giornali.

    4. i politici son pagati coi nostri soldi e anche tanto, quindi è giusto giudicarli nel modo più severo possibile, poi per la rizzi… è come sparare sulla croce rossa, anche se bisogna riconoscerle il merito di essere una psicologa di serie A!!!! hahahah

    5. quanta cattiveria gratuita per la rizzi…quando tutti quelli che la insultano avranno lavorato quanto lei si renderanno conto della loro stupidità. inoltre ci sono un sacco di politici bresciani che si fanno chiamare "dottore", ma non hanno mai specificato che all’università si sono solo iscritti…però indaghiamo solo la rizzi!! chissà come mai? forse perchè si fa in 4 ed è una che può dare fastidio? a qs punto credo proprio di sì. forza rizzi, avanti x la tua strada e non dar peso all’invidia della gente.

    LEAVE A REPLY