Sia risponde agli autisti: sicurezza prioritaria, ma le “gabbie” non sono la soluzione

    8

    di AndreaTortelli – La sicurezza degli autisti è una delle nostre priorità. Ma le “gabbie” non sono la soluzione. Risponde così Roberto Salerno, direttore di esercizio di Sia trasporti, all’appello lanciato da alcuni conducenti della compagnia tramite Bsnews.it. “Negli ultimi due anni le aggressioni nei nostri confronti non si contano nemmeno: abbiamo paura e non ci sentiamo tutelati dall’azienda”, avevano detto gli autisti. Chiedendo a Sia di fare di più. “Ogni anno”, ribatte Salerno, “trasportiamo circa 15 milioni di passeggeri, con una media di 1.500 corse al giorno, e per fortuna gli episodi di violenza fisica davvero rari: nell’ultimo biennio ne abbiamo registrati ‘soltanto’ tre. Posso capire che alcuni autisti manifestino preoccupazione e disagio per questo, anche a fronte di cambiamenti della società italiana che si ripercuotono su chiunque oggi lavori con il pubblico. Ma vorrei rassicurarli: continueremo ad impegnarci per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza dei nostri dipendenti”.

    Il direttore cita quindi le “attività di controllo mirate” effettuate lo scorso anno in collaborazione con i Carabinieri. L’esperimento di guardie giurate al fianco dei controllori su alcune corse. La partecipazione alla riunione del Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico dello scorso febbraio. E il protocollo stipulato nel 2009 con Prefettura, Provincia e Regione per l’installazione su alcuni mezzi – una 50ina ad oggi – di un sistema di videosorveglianza (l’area della stazione è già monitorata da remoto dalla centrale operativa della Polizia locale). Ma Sia – sottolinea Salerno – si è spinta anche oltre, cercando un contatto diretto – e inviando una sorta di lettera di ammonizione – con le famiglie di alcuni giovani utenti sorpresi più volte senza biglietto.

    Fin qui quanto già in campo. Ma se per il futuro l’azienda si dice pronta a fare di più, la ricetta scelta appare diversa da quella invocata dai conducenti sentiti da Bsnews.it. “Mettere gli autisti in gabbia”, chiarisce Salerno, “mi parrebbe una sconfitta. E’ inaccettabile che qualcuno venga malmenato, ma le barriere di protezione sono una soluzione estrema e non danno una risposta efficace al problema”. Meglio, secondo l’azienda, continuare a lavorare – seguendo il modello inglese – sul potenziamento del sistema di videosorveglianza (“stiamo definendo un nuovo protocollo per il monitoraggio della sala d’aspetto”) e sull’educazione degli utenti, anche attraverso misure – di valore prettamente simbolico – come quella dell’affiancamento di vigilantes ai controllori nei tragitti più “caldi” (“pensiamo di riproporre l’esperimento”).

    Ma per Sia anche gli autisti devono fare la loro parte. “Il compito di controllare i biglietti”, spiega l’azienda, “va interpretato con serietà, ma non implica che si debba mettere a repentaglio la propria sicurezza. Anche nei corsi di formazione abbiamo dato direttive molto chiare su questo: se c’è qualche problema gli autisti devono semplicemente avvisare il controllore o le forze dell’ordine, mettendo al primo posto la propria incolumità”. Infine, Salerno risponde alle accuse dei conducenti, che avevano dichiarato a Bsnews.it di sentirsi soli anche dopo le aggressioni e chiesto tutela legale da parte dell’azienda. “E’ chiaro che gli episodi di violenza danneggiano anche noi”, sottolinea, “non a caso in passato abbiamo già dato mandato agli avvocati di intraprendere azioni legali per interruzione di servizio pubblico. E ribadiamo”, conclude, “che di fronte a episodi di oggettiva gravità che vedono i nostri autisti come vittime – in caso di processo – non ci tireremo indietro, anche dal punto di vista legale”.

    Comments

    comments

    8 COMMENTS

    1. Premetto che non conosco bene il problema degli autisti, ma per rispondere all’anonimo non capisco perché un lavoratore dipendente debba doversi preoccupare della propria sicurezza: è inaccettabile concettualmente.

    2. Se dovessimo avvisare controllore o forze dell’ordine tutte le volte che riscontriamo irregolarità e aspettare il loro intervento,ogni corsa,OGNI corsa subirebbe gravi ritardi e ci rimetterebbero gli utenti onesti.La verità é che le abbiamo provate tutte,noi autisti..,e alla fine tutti ci siamo arresi,non controlliamo più,con il risultato che in valtrompia pagare il biglietto é ormai assolutamente facoltativo,per la felicità di chi risparmia e con la rassegnazione e giustificata indignazione di chi fa il suo dovere! Risolvere il problema é possibile,vedere come bs trasporti gestisce il controllo ad esempio,ma c’é da investire del denaro ed é questo l’unico problema,e poi cosa saranno mai 3 ricoveri e altre percosse un pò meno gravi….,per non parlare delle offese verbali etc etc! Conclusione? Autista,guida e non rompere,e se fai lo schizzinoso per un paio di cazzotti lì c’è la porta!! Auguri cari colleghi….

    3. Il termine dispregiativo "marocchi", con tutta evidenza si addice alle regole di "netiquette" richieste sul presente sito.

    4. inutile mettere il vigilantes al controllore se il controllore lo trovi dalle 5 all’una ed è da solo… certo che investire nella videosorveglianza costa di meno aumentate i controllori o il personale di controlleria magari…cosi si creerebbero anche posti di lavoro.

    LEAVE A REPLY