2mila divorzi l’anno: la Loggia interviene per il sostegno alle coppie in crisi

    0

    (a.c.) Circa duemila divorzi l’anno, di cui la metà giudiziali nel solo capoluogo. Un numero altissimo di persone che vivono un momento delicatissimo della loro vita, che può portare a vere e proprie crisi anche da un punto di vista sociale (le difficoltà economiche, i mutui non estinti da pagare, gli alimenti da corrispondere, l’affido dei figli e via dicendo). Per prevenire quelli che a volte si trasformano in veri e propri drammi entra in campo la Loggia, che sosterrà l’associazione Omnibus nell’aiuto alle famiglie che si apprestano alla separazione.

    L’assessorato alle Pari Opportunità ha deciso di patrocinare il servizio di consulenza e assistenza a vari livelli che gli esperti dell’associazione mettono in campo, consapevole dei rischi connessi alle coppie che divorziano, soprattutto nell’ottica delle ripercussioni sugli eventuali figli. Il servizio è stato chiamato "Divorce planning": specularmente al "Wedding planning", in vista del matrimonio, mira all’assistenza e al sostegno di marito e moglie nell’approntare la lunga, difficile e costosa strada del divorzio. Mediazione familiare, consulenza psicologica, focus group, ascolto delle storie di coppie che hanno vissuto la stessa esperienza: tutte fasi che fanno parte del sostegno al divorzio.

    Per le coppie rivolgersi ad Omnibus inizialmente è gratuito, poi nella seconda fase c’è un costo da sostenere, con tariffe concordate con la coppia. 

    Per informazioni: telefono 338.9141502, mail info@associazioneomnibus.it

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Concordo, Mario. Seguire una coppia in crisi vuol dire altro. Ma manca il punto di vista corretto….
      E, domanda: la scelta dell’associazione è stata fatta su quali criteri…?

    2. Già. E cosa vuol dire consulenza gratuita ma solo per la prima fase? Quella in cui ti spiegano cosa fanno?
      e poi il nome mi sembra totalmente fuori luogo. Lo è già per il matrimonio, ridotto ad un gioco usa e getta, figuriamoci per un divorzio. Mi sembra una cosa molto poco seria, quadi un approfittare delle difficoltà altrui. Spero di sbagliarmi.

    3. Be’, di sicuro chiamare il servizio "gestione del divorzio" sarebbe stato trooooppo provinciale… Vuoi mettere la frasetta inglese? Trooooooppo "international"… Che tristezza.

    LEAVE A REPLY