Marco Travaglio a Brescia: un successo per il “primo spettacolo (poco spettacolare) del dopo-B”

    0

    (a.c.) Un giornalista che richiama mille persone in un teatro, e le tiene incollate alle poltrone per quasi tre ore. Solo Marco Travaglio ci riesce in Italia, e sabato sera il caso ha voluto che fosse proprio nella nostra città, a poche ore dalle dimissioni ufficiali di Berlusconi, il "bersaglio preferito" di almeno 15 anni di attività giornalistica.

    Emblematico il titolo della serata, che doveva essere "Anestesia totale" e si è trasformato in "Primo spettacolo (poco spettacolare) del dopo-B". Ovviamente buona parte della serata è dedicata all’ex premier, chiamato "Barzellettiere", ma sarebbe stato lo stesso anche senza dimissioni. Travaglio magari sorrideva più del solito, ma la preoccupazione per la situazione dell’Italia, e per ciò che verrà, non è certo diminuita: «Lui non c’è più, ma le radiazioni restano».

    La bella e brava attrice Isabella Ferrari aveva il compito di leggere brani di Indro Montanelli, padre professionale e spirituale di Travaglio, che ha spiegato benissimo, diversi anni fa, la differenza tra informazione e disinformazione. Ma la colpa per lo stato in cui versa l’Italia secondo Travaglio è da suddividere equamente tra giornalisti e cittadini: "Dove eravamo noi mentre succedeva tutto questo, sotto i nostro occhi?".

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Povero Indro! E pensare che chi come me si azzardava a comprare "Il Giornale" negli anni di piombo (ed era un rischio vero, fisico) veniva insultato e menato dagli stessi che adesso – senza piu chiavi inglesi ma da occupanti le piu alte poltrone del vero potere italiota – sbavano per personaggi come Travaglio. Ripeto, povero Indro!

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome