Volpi (Lega): Berlusconi caduto per colpa degli ex fascisti

    24

    Nel centrodestra il clima si fa sempre più scottante. Anche a Brescia. In attesa che le rivalità tra ex rappresentanti di Forza Italia e ex rappresentanti di An emergano anche qui, il primo a inaugurare il fronte delle polemiche di coalizione è stato il deputato leghista Raffaele Volpi, che rispondendo al sindaco di Roma Gianni Alemanno ha spiegato che “Belusconi cade per le faide degli ex fascisti". "Alemanno deve rendersi conto che l’epilogo di oggi è da riferirsi anche alle faide degli ex fascisti”, ha dichiarato Volpi, “tra cui lui e i suoi camerati, che hanno deciso di giocarsi un particolarissimo congresso nell’aula di Montecitorio quindi smetta di parlare della Lega si guardi allo specchio e si prenda le sue responsabilità”. Parole nette, che certamente susciteranno reazioni anche a Brescia.

    Comments

    comments

    24 COMMENTS

    1. se la destra non è messa bene , non mi pare neppure che il centro sinistra navighi in buone acque.( Renzi- Veltroni-Bersani- Di Pietro- Vendola….non mi pare che vadano d’amore e d’accordo).
      Quindi auguro ad entrambe le compagini di ricompattarsi e di lavorare per il bene del Paese,
      Detto questo , sono altresì convinta che Berlusconi non rappresentava (e non rappresenta) il male assoluto, ma che abbia commesso errori e tanti è indubbio.Uno fra questi è quello di essersi "fidato"di Persone irriconoscenti, in primis di Fini.
      Da vecchia elettrice di destra (prima msi -desstra nazionale. poi ,dopo la svolta di Fiuggi, AN,) ricordo , da giovane le "discriminazioni " subite, e ricordo a Fini d ai finiani che se non fosse stato per Berlusconi , sarebbero ancora "emarginati" e Fini solo nei sogni sarebbe diventato Presidente della Camera. Ma ….la riconoscenza non è di questo mondo.

    2. occorre prendere atto di un fallimento grande e storico della destra italiana. cosa hanno portato 17 anni di berlusconi? confrontiamo i discorsi iniziali di berlusconi con la realtà odierna. siamo più poveri, con un debito pubblico aumentato a dismisura, nessuna riforma vera, solo parole e propaganda. un danno enorme che pagheremo caro (e spero tutti, non solo i soliti noti).

    3. Noi non siamo quaquaraquà ,è chiaro a tutti che se si andava alle elezioni quando Fini ha rotto con Berlusconi come per altro la Lega chiedeva non saremmo mai arrivati a questi punti.
      Dico anche che questa crisi é stata generata dal debito pubblico Ialiano ma in particolar Modo dalle Lobbis dei Finanzieri ed pseudo economisti come il Dott Monti che se la sbrighino loro adesso il problema .

    4. Penso che il Paese che ha ereditato Berlusconi 17 anni fa
      avesse già un debito pubblico molto alto e non abbiamo prova contraria che le cose senza di lui sarebbero andate meglio.Cosa avremmo fatto ad esempio con Di Pietro? Saremmo diventati un Paese di polizia….con il rischio che la Magistratura prendesse il posto della politica. ( e già si "intromette " a sufficienza)
      Adesso io dico a Berlusconi di abbandonare chi ha sputato nel piatto dove ha mangiato per tanti anni e …di investire all’estero come Fiat, Della Valle e…di invitare i suoi lavoratori a cercare lavoro presso qualche sindacato o qualche politico(Rutelli, Fini, Casini, DI Pietro , Bindi )che senz’altro "produrranno " tanti posti di lavoro.
      Ps: questo è solo il mio pensiero che non ha la pretesa di rappresentare la verità assoluta ma solo un’opinione.

    5. Stesso fallimento della Sinistra che in 17 anni non ha saputo creare un’alternativa credibile, anzi quegli anni ( non molti)che ha governato non mi sembra abbia offerto
      un grande spettacolo

    6. spostare l’argomento sui fallimenti degli altri non fa altro che confermare la difficoltà della destra italiana (lega compresa) di accettare la realtà. ovvero che si tratta di un fallimento della destra. il debito pubblico è sì storico, ma è vero che lega e pdl lo hanno ulteriormente e grandemente aumentato.

    7. io non nego le difficoltà del c-destra(lega compresa ) dico solo che non vi è la prova che le cose (visto il momento che TUTTI gli Stati stanno vivendo, ora tocca alla Francia poi alla Germania) sarebbero andate meglio con un governo di segno diverso. Anzi quel periodo che si è trovato a governare non è che abbia "brillato".
      Anzi per assicurarsi la maggioranza al Senato hanno dovuto finanziare la fondazione della Montalcini e "acquistare " Follini. Se già da allora si avesse avuto il buon senso di affidare una Camera al c-sinistra ed una al c-destra (visto l’esito di quelle elezioni) forse le cose avrebbero preso una piega diversa. O forse no.Però il dubbio mi rimane.
      A proposito, ora dobbiamo pagare lo "stipendio" anche a Monti. Quanto costa un senatore a vita?

    8. Appunto non si sa " se " con il c-sinistra le cose sarebbero andate meglio e sulla base di ciò che ho scritto prima qualcosa si può pensare, visto che (è questo è un dato di fatto) quando ha governato è imploso tutte le volte in poco tempo.

    9. E bhe…Volpi, cari miei signori, ha ragione. Io non sono leghista ma c’è poco da dire. I governi cadono perchè non ci sono i numeri per "reggerli". La matematica, diversamente dalla politica, non è una opinione. Se AN tradisce gli elettori di Forza Italia e cambia la mutanda non è certo colpa della lega.

    10. e ora i leghisti, dopo le scorpacciate di pennette all’arrabbiata a Roma, tornano al nord per una grande strategia: polenta e osei.

    11. I fascisti odiano la lega perchè aveva azzerato il debito pubblico, eliminato la disoccupazione, ridotto gli extra-com e fatto la riforma dell’università:Tutti a Gemonio, a festeggiare lauree inesistenti e dire, ogni mattina, alla prima moglie che andavano a fare il medico in ospedale. Questi fascisti hanno fatto tramontare "la canapa delle Alpi"!

    12. La lega dopo averci provato con Calderoli a ridurre pezzi di pensione come l’anno del servizio militare ed il riscatto degli anni universitari, votando in Parlamento per la cancellazione delle pensioni di anzianità a decorrere dal 2026 e bloccando gli scatti di anzianità e gli aumenti salariali nel pubblico impiego con ricaduta nefasta anche sul privato, ora cerca di correre ai ripari con gazebo e chiacchiere. Mentre ha lasciato pesantemente crescere il default non volendo applicare quella forma di giustizia fiscale (patrimoniale)ai ceti più ricchi della società italiana che, con il 10% della popolazione detengono il 55% della ricchezza complessiva del paese. Inoltre, al posto di contribuire con l’amico Tremonti alla drastica riduzione degli accertatori dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS avrebbe, invece, fatto bene ad incentivare al lotta all’evasione fiscale. Questo è quanto di peggio poteva fare la lega con l’alleato di Governo contro tutti i lavoratori ed i cittadini onesti che ora tireranno solo la cinghia, se tutto andrà bene con il banchiere Monti.

    LEAVE A REPLY