San Bartolomeo, “quartiere dimenticato”. Al via la raccolta firme per le osservazioni al Pgt

    0

    L’associazione ambientalista Co.Di.S.A. di San Bartolomeo, impegnata per la salvaguardia del Quartiere, da tempo evidenzia i "guasti" ambientali dovuti alla presenza di realtà industriali (in particolare la Società Ori Martin), con le quali intende intraprendere un dialogo costruttivo. Gli obiettivi principali dell’associazione, sono la tutela della salute e la riqualificazione del Quartiere, con la salvaguardia del verde, la creazione di aree di mitigazione ambientale (cintura delle zone industriali), il riordino dei flussi di traffico e viabilità interna al Quartiere e la limitazione dell’ulteriore espansione dei siti industriali.

    Con l’adozione del Piano di Governo del Territorio (PGT), recentemente approvato; si prospetta (oltre a migliaia di mq di nuovi insediamenti abitativi e commerciali ex Idra, ex Cidneo):

    – la realizzazione di un grande pargheggio privato (a lato di via delle Gabbiane e davanti alla scuole elementari e alla scuola materna) che consuma territorio verde, amplia di fatto il sito industriale Ori-Martin e "imbottiglia" il Borgo delle Gabbiane;

    – l’ipotesi di un nuovo accesso del traffico pesante alla Ori-Martin dalla tangenziale, non dal sito industriale (come da progetti presentati) ma da via delle Razziche, che rischia di peggiorare ulteriormente la vita dei residenti

    Per questi motivi, il Codisa di San Bartolomeo presenterà una osservazione al PGT con una raccolta di firme per chiedere all’amministrazione comunale:

    a) che venga stralciato il progetto del parcheggio nel terreno a nord dell’azienda;

    b) che la stessa area venga destinata interamente a parco pubblico da collegare con l’attuale parco Ori;

    c) che l’ingresso del traffico pesante avvenga direttamente dalla tangenziale nell’attuale perimetro aziendale;

    d) un riordino complessivo della viabilità intorno alla fabbrica e nel Quartiere.

    Per mettere a punto una proposta condivisa e incisiva e per iniziare la raccolta firme questa sera – martedì 15 novembre – si terrà un’assemblea (a partire dalle 20.30) nella sala civica di via Scuole 42.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Se parliamo di tutela della salute, siamo sicuri che una acciaieria inquini di più di un centro commerciale, avvolto 365 giorni all’anno dai miasmi dei gas di scarico di migliaia di automobili e di altrettante migliaia di veicoli pesanti, e in cui il sabato e la domenica ci portiamo pure i nostri bambini a giocare ?.

    LEAVE A REPLY