Cadaveri in Maddalena, fermati due bresciani. Uno è un ex carabiniere

    0

    (a.c.) La scheda sim rinvenuta accanto ai due cadaveri in Maddalena e il computer abbandonato nell’albergo Astron in stazione. Dalle perizie tecniche su questi due elementi sono arrivate agli inquirenti le prove necessarie per fermare i presunti autori del duplice assassinio macedone andato in scena in Maddalena. 

    Luca Cerubini, 37enne, ex carabiniere in congedo dal 2006, negli ultimi anni guardia del corpo privata, residente in un appartamento di via Crocifissa di Rosa con moglie e figlio, è stato fermato ieri nel primo pomeriggio, e si trova da allora in carcere. Poco prima di essere fermato, afferma il quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane, avrebbe fatto una chiamata al suo legale, Lorenzo Cinquepalmi, per annunciare l’imminente fermo per omicidio. Assieme a Cerubini sarebbe finito in carcere anche un altro uomo, del quale ancora non sono si sa nulla.

    Le indagini che hanno portato all’arresto dell’ex carabiniere sono partite dai tabulati telefonici e dai numeri presenti sul cellulare trovato vicino ai cadaveri. Gli inquirenti hanno rintracciato i proprietari dei numeri ed hanno successivamente scavato nei loro affari. Pare che Cerubini avesse un contenzioso con i due macedoni derivante dal rimborso di una fidejussione bancaria per ottenere la quale avrebbero versato 800mila euro. L’affare si sarebbe dovuto compiere a Lugano, ma successivamente, visto il contenzioso, è stato trasferito in uno studio legale di Brescia. Cerubini negli ultimi tempi è entrato in contatto con un ex poliziotto, Daniele Saravini, mediatore finanziario di Lugano per conto della banca londinese che avrebbe concesso la fidejussione. I due sarebbero stati visti anche a Brescia nei giorni precedenti il duplice omicidio, il 17 giugno. 

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. mmmhhh e adesso?!? Come la mettiamo?
      Coinvolti due ex delle forze dell’ordine di cui non sappiamo esattamente perchè si dimisero spontaneamente (o megli: lo sappiamo in parte ed il resto lo sospettiamo).
      Mai mettere la mano sul fuoco per nessun cliente: si riscchia di rimanere con il monconcino bruciato!!!

    2. Caro Avv. Cinquepalmi … Luca Cerubini arrestato?
      Luca Cerubini che lei aveva assistito quando ha denunciato l’allora Sindaco di Montichiari Gianantoio Rosa per non averlo sposato con la signora rumena immigrata clandestinamente in Italia?.. quel processo che lei e il suo assistito (ora arrestato) avete perso …

      Certo che è strana sta cosa sa?
      Lei tiene il blog di Tempo Moderno dove altro non fa che attaccare la Lega.
      Nel passato ha poi assistito Luca Cerubini (ex carabiniere allontanato dall’arma per «arresto violento») che ce l’aveva su con il sindaco LEGHISTA di Montichiari. Proprio fortunato Cerubini che a caso che tra tanti avvocati che ci sono a Brescia ha trovato proprio lei a cui sta così simpatica la Lega …

      Aspettiamo di leggere i prossimi giornali per vedere chi è quel "legale bresciano «amico» di Cerubini" di cui ha riportato oggi il Bresciaoggi…

    3. Certo che leggendo i vostri commenti (vds 16/11/2011 h 16.51 – 16.47) capisco quanta miseria di pensiero vi circonda. Se non sbaglio nel sistema giuridico del nostro Paese, vige ancora la presunzione d’innocenza, mentre ormai, con abitudine consolidata, basta essere alla gogna giudiziaria con conseguente gogna mediatica, che siamo già condannati!! Non ci si deve fermare solo su quello che viene riportato dai giornali o da presunti conoscitori delle vicende; bisogna verificare come sono andati i fatti in realtà, senza "godere" sui problemi altrui! E, per ultimo, capisco che, bisogna stare attenti a criticare quelli che vi stanno accanto o hanno lo stesso colore politico, altrimenti, per solo partito preso, siamo tutti vostri nemici!!

    4. Qui non bisogna nemmeno attendere il sistema giuridico dato che oggi su queste pagine è apparso l’articolo dove l’Ex Carabiniere ha dichiarato che li ha attirati sulla Maddalena solo perchè "voleva pestarli in maniera pesante"… cavoli ma questi mica sono scemi e hanno tirato fuori i coltelli (dice lui) e allora lui ha tirato fuori la pistola e pam pam…

    5. …chissà cosa c’è dietro il tono rancido di certi interventi? Quella volta il sindaco leghista di Montichiari l’ha sfangata al processo, ma gli episodi di discriminazione di cittadini stranieri da parte degli amministratori comunali di Montichiari sono stati tali e tanti (dai rifiuti di sposare a quelli di dare la residenza) che solo dei leghisti possono vantarsene. Quanto all’episodio attuale, se ne riparla alla fine del processo.

    6. Avvocato ma si figuri non ci sta dietro nulla … e poi qui non è stato usato nessun tono rancido se non al pari di quelli che usa lei su Tempo Moderno.

      Se quella volta quel maledetto leghista del sindaco di Montichiari l’ha sfangata .. ma vuol dire che altri sono finiti nel fango perchè di solito nei processi se uno che vince vuol dire che l’altro perde.

      Tireranno di certo un sospiro di sollievo i monticlarensi , felici di non essersi ritrovati come concittadino una persona che vuole dare lezioni picchiando pesantemente …Infatti il detto dice: "Gioco di mani gioco di villani".

      Ma la domanda (retorica) che ci si pone è … come mai se ha ricevuto minacce non si è rivolto alle forze dell’ordine come un comune cittadino avrebbe fatto?
      Non servono risposte ora, le darà la giustizia.

      Certo che però è il colmo .. La Lega viene accusata di incitare alla "giustizia fai da te" … e poi leggi sui giornali che qualcuno la fa sul serio .. e no… non va mica bene così …

      Un partito lo si sposa per intero .. non si può prima accusare di discriminazioni razziali e poi applicare la giustizia fai da te…

      Stiam mica al Brico o alla OBI qua …

      Comunque ha ragione lei Avvocato, se ne riparla alla fine del processo. Nel frattempo buon lavoro.

    LEAVE A REPLY