Bomba alla “Piccola velocità”: non sarà necessaria l’evacuazione del quartiere

    0

    (a.c.) Sganciata da un aereo durante la Seconda Guerra Mondiale, atterrata al suolo senza esplodere, è stata sepolta sotto due metri di terra per 65 anni. La bomba da 125 chilogrammi scoperta durante i lavori per la Piccola Velocità sarà fatta brillare, ma non in loco. L’ipotesi più probabile prospettata dai militari del Genio di Cremona è quella di rendere inoffensivo il dispositivo e trasportarlo lontano dalla città, in una cava, per farlo esplodere con i minori rischi possibili. Pare esclusa al momento la necessità sia di evacuare i residenti nel raggio d’azione potenziale della bomba, sia di interrompere la fornitura di gas durante l’operazione di bonifica. Il trasporto dell’ordigno coinvolgerà le forze dell’ordine e la Protezione Civile, e sarà coordinato dalla Prefettura.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Perchè loro avranno avuto una bomba su mille che non è esplosa; noi andavamo a fare la campagna di Russia con le scarpe di cartone…

    LEAVE A REPLY