Il teatro si fa piccolo: domenica dedicata ai bambini

    0

    Si svolgerà domenica 20 novembre dalle 15 alle 18 il secondo appuntamento dell’iniziativa organizzata dalla Fondazione del Teatro Grande di Brescia che vedrà il Massimo cittadino trasformato in uno spazio multidisciplinare destinato ai più piccoli.

    Il Grande per i Piccoli, questo il nome del progetto, prevede diverse esperienze che si distribuiranno tra la Sala Grande, il Ridotto, il Salone delle Scenografie e la Sartoria teatrale. Sarà, per i bambini e le loro famiglie, un nuovo modo di abitare gli spazi del Teatro: nell’arco del pomeriggio il programma prevede performance musicali, laboratori di animazione interattiva, installazioni di design e architettura, web art e tanto altro ancora. Tutti gli appuntamenti vedranno la partecipazione di artisti che per questa occasione metteranno a disposizione la loro creatività e le loro competenze per il mondo dell’infanzia.

    L’obiettivo è quello di far vivere ai più piccoli e alle loro famiglie l’atmosfera del Teatro in un contesto diverso da quello strettamente legato allo spettacolo, per svelare luoghi e prospettive nuove del Massimo cittadino.

    I biglietti per partecipare saranno in vendita alla Biglietteria del Teatro Grande domenica 20 novembre
    dalle ore 13.30.

    BIGLIETTI:
    POSTO UNICO 10 euro, RIDOTTO 3 euro (riservato agli under 11)

    Di seguito il programma:

    DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00
    ANGELO PLESSAS
    META-PLAY
    INSTALLAZIONE INTERATTIVA PER BAMBINI DA 5 A 11 ANNI
    Meta-Play è una performance-installazione dell’artista Angelo Plessas in cui verranno proiettati una serie dei suoi siti web interattivi nella Sala Grande del Teatro. Bambini e genitori avranno l’opportunità di partecipare e interagire con queste forme di web art in un’unica esperienza interattiva, visiva e sonora. Queste opere digitali spesso rimandano a ritratti scultorei di personaggi immaginari, che, oscillando tra il divertente e il commovente, il bizzarro e il romantico, combinano sapientemente elementi dell’iconografia di antiche civiltà, astrazioni surrealiste e riferimenti modernisti.

    DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00
    NOA HAIM
    COLLECTIVE PAPER AESTHETICS
    LABORATORIO-ISTALLAZIONE PER BAMBINI DA 5 A 11 ANNI
    “Basta fare un giro nella stanza della tua mente, piegarla ed aprirla, fare un puzzle e inquadrare i tuoi momenti speciali…”
    Collective Paper Aesthetics è un gioco di modelli di design e un modo divertente per avvicinare i più piccoli al concetto dell’architettura. Si possono costruire oggetti e sculture dalle forme immaginarie dando libero sfogo alla propria fantasia di bambino (e adulto).

    DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00
    LIVIALEIN
    THREELLOONS
    LABORATORIO-INSTALLAZIONE PER BAMBINI DA 5 A 11 ANNI
    Un Threelloon non è un palloncino qualunque. Ha tre aperture.
    È impossibile gonfiarlo da soli. Bisogna essere in tre. Una piccola azione giocosa per mettere alla prova la propria capacità di comunicazione non verbale e rendere tangibile l’istintiva attitudine umana alla collaborazione.

    DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00
    PAINÈ CUADRELLI
    PRIMI PASSI RITMATI
    LABORATORIO PER BAMBINI DA 0 A 4 ANNI
    Il laboratorio vuole avvicinare i più piccoli al mondo del suono e della musica elettronica, attraverso “giochi” sonori dove semplici gesti generano melodie e ritmi. Un sistema modulare permette l’attività di gruppo. Registrazioni istantanee sono integrate alle creazioni dei piccoli partecipanti.

    DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00
    LUDOTECA
    PER BAMBINI DA 0 A 4 ANNI
    Uno spazio per i più piccoli destinato al gioco e al divertimento.

    DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 18.00
    CLAUDIO SINATTI E DANIELE CIABATTONI
    LA FIGLIA DEI DRAGHI
    LABORATORIO PER BAMBINI DA 6 A 11 ANNI
    Nove draghi, una principessa, una gemma preziosa, un villaggio, un fiume incantato. La Figlia dei Draghi è un workshop di animazione interattiva per i bambini e i loro genitori ideato da Claudio Sinatti uno dei maggiori artisti multimediali italiani. Tra pianeti e astronavi, boschi e castelli, isole e velieri, i bambini saranno gli eroi che salveranno mamma e papà dai mostri bavosi.
    Posti limitati, iscrizione obbligatoria / Durata: 2h

    DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 18.00
    CHRISTIAN FAUBEL E CORDULA KÖRBER
    OVERHEAD ROBOTS
    LABORATORIO PER BAMBINI DA 9 A 11 ANNI
    Il laboratorio combina due livelli di creatività: la realizzazione tecnica di un robot autonomo e la creazione di immagini in movimento. Ogni partecipante potrà infatti realizzare un piccolo robot personalizzato con le sembianze di un insetto o un’altra creatura. Gli insetti si muoveranno autonomamente sfruttando l’energia solare e, con l’ausilio di una lavagna luminosa, si animeranno in una serie di suggestive immagini in movimento.

    Posti limitati, iscrizione obbligatoria / Durata: 2h

    È possibile prenotarsi ai laboratori ad iscrizione obbligatoria esclusivamente al punto informazioni all’interno del Teatro Grande il giorno dell’evento.

    SCHEDE ARTISTI
    Angelo Plessas vive e lavora ad Atene. Il corpo del suo lavoro consiste in siti web che associano ad un oggetto animato un nome di dominio che rappresenta il titolo e la posizione dell’opera. Plessas fonde iconografia delle civiltà antiche, astrazioni surrealiste e riferimenti modernisti con l’abitudine di immaginare identità nel mondo del social networking. Anche se intangibli, queste opere hanno una forte qualità artigianale e uno stile grafico unico, sempre animato e interattivo. A volte, concentrandosi sul tema dell’identità, i suoi lavori diventano personaggi e ritratti, mentre altre volte diventano esperimenti di colore e forma. Plessas ha esposto in vari musei e istituzioni come il Jeu De Paume, il Berkeley Art Museum, la Deste Foundation e la Triennale di Milano e ha partecipato a diverse mostre collettive tra cui Ernst Atene, la 2a e 3a Biennale di Atene, e più recentemente la 3a Biennale di Thessaloniki.

    Noa Haim (Gerusalemme, 1975) è designer, giornalista e redattrice. Vive e lavora a Rotterdam. Laureata in architettura al Berlage Institute, ha collaborato con diversi studi internazionali di architettura trai quali M. Fuksas (Roma) Monolab (Rotterdam) Jose Maria Torres Nadal (Murcia), Altoon + Porter (Amsterdam) e VHP (Rotterdam), specializzandosi nel campo di mixed-use e strategie urbane. Da gennaio 2009 ha aperto uno studio indipendente multidisciplinare, collaborando con soggetti come Arcam (Amsterdam), Triennale Bovisa (Milano), i centri di design di Milano e Copenhagen, imm cologne (Köln), e Euromold (Francoforte).

    Livialein è una thinker/maker. I designer pensano lei sia un artista, gli artisti la chiamano designer. I suoi lavori  esplorano gli interstizi che si generano nelle interazioni tra le persone. Ha studiato Fashion Design all’Università di Firenze e alla Central Saint Martins di Londra e ha approfondito il suo interesse per una pratica multidisciplinare al Goldsmiths College di Londra.

    Painè Cuadrelli è produttore musicale, sound designer e dj. Lavora sulle intersezioni tra musica elettronica, mixedmedia e memoria sonora, producendo dischi, remix e colonne sonore per film, documentari, installazioni, mostre, sfilate di moda e progetti di comunicazione. È coordinatore e docente del corso di Sound Design allo Ied di Milano. Come dj ha suonato nei principali club e festival italiani e europei.

    Claudio Sinatti, 1972, è tra gli artisti multimediali più affermati in Italia e tra i più conosciuti e apprezzati anche all’estero. Il suo lavoro si concentra prevalentemente sulle videoproiezioni di larga scala, sul design di dispositivi di videoproiezione e sulla visualizzazione del suono in tempo reale. Le sue opere sono video spettacoli e installazioni. Dopo una iniziale carriera di illustratore, fumettista e graffiti artist approcia il film e il video agli inizi degli anni 90 sperimentando con la pellicola e le videocamere di allora. Ha collaborato con artisti stranieri ed italiani come Christian Fennesz, Ulrich Troyer, Scanner, Stephan Mathieu, Eiffel 65, 99 Posse, Neffa, Carmen Consoli, Articolo 31, Alex Britti, Teho Teardo, Franco Battiato, Casino Royale e realizzato colonne visive per le tournée di Ligabue, Renato Zero e Negramaro. Ha presentato il suo lavoro alla Triennale di Milano, al Sonar di Barcellona, al Netmage di Bologna, al Synch di Atene, al Batofar di Parigi e in molti altri festival in I talia ed all’estero. Ha lavorato per brand come Nike, MTV, Pirelli, BMW, Heineken, Rolex, Breil, Kenzo, Vodafone, Strenesse.

    Daniele Ciabattoni, giovane sperimentatore delle arti elettroniche, segue da molti anni una propria ricerca nel live media, producendo esperimenti interessanti tra cui Menscape e Segnali di Ripresa. È un prezioso collaboratore della Clonwerk per cui ha realizzato i sistemi di video mappature per diversi eventi come lo spettacolo teatrale il Pianeta Proibito e la tournèe della cantante Elisa. Vive ora a Milano e lavora al progetto Live Video Ensemble insieme all’artista multimediale Claudio Sinatti.

    Christian Faubel insieme a Sebastian Noth ha creato il progetto derstudel nel 2001 per condividere l’interesse comune per l’elettronica e in particolare per la costruzione di piccoli robot analogici. Negli anni il progetto ha coinvolto anche Yulia Sandamirskaya, Markus Mildenstein, Hendrik Reimann e Cordula Körber. Il workshop Overhead Robots è stato sviluppato da derstudel in collaborazione con Ralf Schreiber: artista multimediale classe 1964. Overhead Robots è stato presetnato per la prima volta nel 2006 in Belgio all’Artbots di Gand, e da allora è stato presentato in alcuni dei principali festival europei: Borderline Behaviour (Rotterdam – 2007) FI’ART (Centre Pompidou, Paris – 2008), DIY (Zürich – 2008), PERFORMATIK 09 (Bruxelles – 2009), Robodonien (Köln – 2010). Nel 2008 il progetto ha vinto il prestigioso prix-dy* al diy* festival per l’Arte e per la Tecnologia di Zurigo.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY