Bomba alla Piccola, non ancora stabilite le tempistiche della bonifica

    0

    (a.c.) Non c’è alcun pericolo per la popolazione, e proprio per questo motivo le persone che sono al lavoro per organizzare il prelievo e la brillatura della bomba rinvenuta alla Piccola Velocità si vogliono prendere tutto il tempo necessario per fare le cose bene.

    Se in un primo momento pareva si trattasse di una semplice operazione di routine, con il passare dei giorni protezione civile e genio guastatori di Cremona, il reparto delle forze dell’ordine specializzato in tali operazioni, stanno definendo meglio la situazione studiando tutte le variabili del caso. D’altronde le dimensioni della bomba in questione spingono verso la massima cautela possibile: 226 chilogrammi di peso, di cui ben 127 di tritolo.

    L’ordigno è stato reso inefficace, ed è stato ricoperto con uno strato di tre metri di materiale. Prima del prelievo della bomba si vuole ora passare al setaccio con un metal detector tutta la zona circostante, per evitare di trovare altre brutte sorprese. Evacuare il quartiere quando si estrarrà la bomba? Se in un primo momento pareva escluso, ora l’eventualità torna ad essere possibile. Il dirigente della protezione civile Onofrio Vito Padovano, dalle colonne di Bresciaoggi: «Nell´incontro di oggi sono state date al Comune le coordinate esatte del ritrovamento bellico. Nel prossimo tavolo si deciderà se sarà necessario provvedere ad allontanare la popolazione o meno». 

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY