SbloccaCrediti, 2.3 milioni di euro per le piccole e medie imprese bresciane

0

Unioncamere Lombardia, UniCredit e Anci Lombardia rilanciano e arricchiscono “Sbloccacrediti”, il fondo regionale lanciato un anno fa per aiutare le micro e le piccole imprese lombarde che vantano crediti scaduti verso i Comuni lombardi che non sono in condizione di onorare gli impegni contrattuali per i vincoli posti dal patto di Stabilità.

Nel suo primo anno di attività, l’iniziativa “SbloccaCrediti” ha registrato un importante successo: sono state oltre 700, infatti, le domande presentate, per un importo di richieste che supera i 7 milioni di euro, con un forte incremento nel corso degli ultimi mesi. Tra le province lombarde, al primo posto per l’utilizzo dello strumento risulta Brescia, con 207 domande (pari al 31% del totale per oltre 2,35 milioni di euro), seguita da Mantova con 114 domande (pari al 17% del totale per oltre 1 milione di euro), Milano con 93 domande (14% del totale per oltre 1 milione di euro), Monza con 71 domande (11% del totale per oltre 630 mila euro), Varese con 59 domande (9% del totale per oltre 500 mila euro), Bergamo con 31 domande (5% del totale per oltre 310 mila euro), Cremona con 30 domande (4% del totale per oltre 330 mila euro), Lodi con 26 domande (4% del totale per oltre 320 mila euro), Pavia con 18 domande (3% del totale per oltre 160 mila euro), Lecco con 15 domande (2% del totale per oltre 110 mila euro), Como con 7 domande (1% del totale per quasi 80 mila euro) e Sondrio con 4 domande (1% del totale per oltre 30 mila euro).

E’ stato firmato oggi, infatti, l’accordo che prevede un ulteriore stanziamento di 5 milioni di euro per il fondo rotativo regionale già stanziato lo scorso anno che, dai precedenti 10 milioni di euro, raggiunge ora i 15 milioni di euro. L’accordo prevede, inoltre, l’innalzamento del massimale dei crediti smobilizzabili, dai precedenti 15 mila euro fino a un massimo di 50 mila. A siglare l’intesa sono stati Francesco Bettoni, presidente di Unioncamere Lombardia, Monica Cellerino, Responsabile per il Territorio della Lombardia di UniCredit ed Attilio Fontana, Presidente di Anci Lombardia.

“Nel suo primo anno di attività “SbloccaCrediti” si è dimostrato un valido e concreto strumento per venire incontro alle esigenze delle imprese lombarde in questa fase difficile dell’economia – ha sottolineato Monica Cellerino, Responsabile per il Territorio della Lombardia di UniCredit. Grazie a SbloccaCrediti, infatti, circa 700 micro e piccole imprese lombarde, la cui contabilità è già fortemente stressata dalla difficile congiuntura economica, hanno potuto contare su quella liquidità necessaria per poter continuare a far fronte alle proprie esigenze di cassa, evitando in tal modo rischi di chiusura delle attività. Quest’accordo – ha concluso Monica Cellerino – è la dimostrazione concreta di come sia possibile sostenere il sistema produttivo locale, in particolare le piccole imprese che si dovranno confrontare nel 2012 con una situazione complessa, sia in termini di crescita, sia dal punto di vista della liquidità, grazie al dialogo e alla sinergia tra attori istituzionali, quali Unioncamere e Anci Lombardia”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY