Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’impegno degli Spedali Civili

0

Il  25  novembre ricorre la ‘Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne’, giornata  che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite istituì nel 1999, con la risoluzione 54/134, al fine di sensibilizzare governi, organizzazioni governative e non governative, società civile e mezzi di informazione su tale fenomeno. La data ricorda il massacro delle sorelle Mirabal durante il regime domenicano di Trujillo che accadde proprio il 25 novembre del 1960

L’ ultima indagine ISTA 2007 sulla violenza e i maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia stima in 6 milioni e 743mila le donne tra i 16 e i 70 anni,  che sono state vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della loro vita, il 31.9% delle donne in età censita. La violenza uccide le donne più degli incidenti stradali ed è la seconda causa di morte in gravidanza. L’indagine stima che il 96% delle violenze  non venga  denunciato.

 L’Azienda Ospedaliera Spedali  Civili di Brescia, con il Dipartimento Emergenza Accettazione  e con la collaborazione di ginecologi, medici legali e infettivologi ha approntato una procedura operativa  specifica per  l’accettazione di pazienti vittime di violenza.  Questa procedura vede la stretta collaborazione dell’ASL di Brescia per la presa in carico continuativa delle pazienti sul territorio, assicurata dai Consultori Familiari Accreditati che forniscono supporto psicologico e sociale.

L’ambito di intervento riguarda: l’accoglienza in pronto soccorso, le modalità della visita congiunta ginecologo-medico legale, la raccolta delle prove, la gestione del rischio di malattie sessualmente trasmesse, con follow up della durata di 180 giorni. Nell’arco di circa 1 anno e mezzo, il Dipartimento di Emergenza si è fatto carico di più di 500 donne vittime di percosse, maltrattamenti , assistendole sotto il profilo sanitario: circa una donna ogni giorno solo nel nostro Ospedale!

Si tratta di  un impegno molto importante, che comporta il continuo aggiornamento del personale oltre che la necessità di mantenere alto il grado di attenzione al problema. Prezioso l’apporto dei Centri di Pronto Intervento esterni che, al momento della dimissione, si fanno carico di accogliere le donne  anche con  figli vittime di maltrattamento familiare.

 L’impegno dei sanitari  si colloca nella consapevolezza che il percorso di supporto intra ed extra ospedaliero  possa garantire alle vittime di violenza l’assistenza sanitaria, sociale e psicologica nel tentativo di interrompere la spirale della violenza. Il fenomeno della violenza sulle donne  resta pressoché invisibile, difficile da decodificare, carico di stereotipi. Il più diffuso è quello che vede nell’immigrato l’aggressore-violentatore abituale, ma la violenza è un fenomeno trasversale, che interessa tutti gli strati sociali e viene perpetrata da uomini di ogni condizione.

Il personale sanitario ospedaliero che lavora nell’emergenza deve  confrontarsi sia con eventi acuti sia con storie di accessi ripetuti per percosse. Spesso le percosse vengono attribuite dalla paziente a cadute accidentali,  o a aggressioni da estranei. Sta alla preparazione dell’infermiere o del medico saper decodificare racconti, sintomi e lesioni per attivare la procedura prevista per la violenza sessuale e per il maltrattamento.

Un impegno che oggi viene riaffermato anche per incoraggiare le donne a vincere la paura e a rivolgersi con fiducia alle strutture sanitarie.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. La Violenza alle Donne resta "sommersa "; accade tutti i giorni anche nel nostro paese, eppure cade nell’indifferenza; la gente (talvolta anche Donne incluse, non coinvolte direttamente ) ha spesso paura o meglio Vergogna nel parlare di questioni simili. D’altronde anche in Italia è ancora in auge il modus del Codice d’Onore. Utilizziamo l’Arte, per esprimere quanto sia degradante la violenza, fisica od anche solo psicologica su qualunque essere umano, quindi anche su una Donna.Dobbiamo sconfiggere la cultura ingombrante del maschilismo. I due Sessi ( o più ) dovrebbero eventualmente essere Complementari.La Violenza vi assicuroche lascia il Segno! E non è un segno piacevole, in quanto figlio del Disamore in Senso Assoluto.Rohme

LEAVE A REPLY