L’inceneritore di Brescia? Un modello. Parola del neoministro Clini

0

“L’inceneritore di Brescia? Un modello”. A dirlo è stato il neoministro dell’Ambiente Corrado Clini, intervistato alla trasmissione di Ra1 Uno Mattina. Rispondendo ad una domanda su una eventuale emergenza rifiuti nel Lazio, Clini ha citato l’esempio di Brescia, e sottolineato che “l’ambiente è stato usato come leva politica e sono stati presentati in maniera non corretta i rischi connessi alle soluzioni. Si è consolidata troppo spesso fra le popolazioni, una paura che non ha motivazioni tecniche o sanitarie ma nasce da input politici. Non capisco perché una città come Copenaghen che è considerata una capitale della sostenibilità ambientale, abbia nel cuore della città un impianto che smaltisce rifiuti e produce energia. La stessa cosa accade a Vienna. Non ci sono nicchie di popolazione in Italia che hanno particolari sensibilità genetiche o biologiche gli impediscono di vivere in una situazione come quella di Copenaghen, Vienna o Brescia”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Brescia è il luogo santo dei piazzisti degli inceneritori. Vi si recano in pellegrinaggio per respirare l’aria salubre direttamente dal camino. Bevono il latte locale e fanno un giro in bicicletta nei dintorni. E’ la vittoria della scienza contro le tenebre.

  2. Anche la Columbia University ha detto che è il più bello! Peccato che tra i finanziatori si ritrovi l’impresa produttrice dei 3 bruciatori. Tale era il Governo di prima e mi sa proprio che tale sia l’attuale Governo e non capisco proprio perchè la lega non lo abbia sostenuto anche se immagino sia per il motivo di non avere più Ministri e sottosegretari.

  3. Io che non ho simpatia per la LEGA anche perchè appunto è diventata molto brava nell’occupare poltrone e poltroncine , devo dirLe che il motivo per cui la lega non ha sostenuto questo Governo è perchè non è rappresentativo della maggioranza quale emersa dalla volontà popolare e su questo concordo in pieno

  4. In Italia tutti decantano il nostro inceneritore, ma nessuno si mette al lavoro per costruirne uno uguale… a questo punto mi faccio qualche domanda e mi do anche le risposte…

  5. altra domanda: come mai a2a applica aumenti del 10% annui sul costo del Megawatt/ora? cosa succede? la spazzatura che brucia costa il 10% di più all’anno? noi utenti dovremmo far sentire più spesso la nostra voce!

LEAVE A REPLY