Lugana, successo per la degustazione all’hotel Principi di Piemonte a Torino

0
Bsnews whatsapp

Un vino importante esige una cornice importante. E l’ Hotel Principi di Piemonte, nel cuore di Torino, con le sue atmosfere eleganti e curatissime, non poteva che essere lo scenario migliore per poter accogliere la degustazione di un vino altrettanto raffinato e moderno come il Lugana.

L’evento, organizzato in collaborazione con l’associazione GoWine, si è svolto mercoledì 16 novembre scorso ed è solo l’ultima tappa di una serie di appuntamenti con cui il Consorzio Tutela del Lugana è impegnato a diffondere per l’Italia la cultura del territorio gardesano e il suo splendido vino.

La partecipazione all’evento di ben 32 aziende consociate è la testimonianza di quanto forte sia il rapporto che lega chi da sempre crede con passione in un territorio straordinario con un vino così unico.

Gli oltre 400 visitatori, professionisti del settore, giornalisti e appassionati, hanno avuto modo di assaporare il Lugana nelle varie declinazioni, apprezzandone la particolarità, il carattere, l’unicità e, allo stesso tempo, la grande versatilità che lo rende un vino facilmente abbinabile a gran parte dei piatti sia nostrani che esteri. La degustazione è stata impreziosita dalla straordinaria possibilità di poter assaggiare anche vecchie annate fuori commercio, che ben rendono l’evoluzione del Lugana. Le bottiglie, dal 2004 fino al 1999, hanno dimostrato una forte personalità, testimoniando come il Lugana sia ormai un vino ben strutturato, bilanciato, maturo, pronto a ritagliarsi un ruolo di protagonista nei menu anche oltre confine e nei mercati di tutto il mondo.  

Ad accompagnare la degustazione è intervenuta anche l’ Associazione “Strada dei Vini e dei Sapori del Garda”, che ha deliziato i palati dei convenuti con olio Extravergine di Oliva Garda DOP, salami, formaggi e prodotti gastronomici tipici del territorio gardesano.

Ma oltre alle attività promozionali, il Consorzio è particolarmente vivace anche negli eventi volti a consolidare l’ immagine del Lugana e tutelarne e definirne sempre più l’identità. Assume particolare importanza l’incontro tecnico-informativo tra gli imbottigliatori presso l’ Az Agricola Ca Lojera in Rovizza di Sirmione indetto per il 28 novembre alle ore 18.00. Il tema riguarderà l’adozione e gestione delle Fascette di Stato nella DOC che verranno introdotte con l’inizio del nuovo anno e saranno obbligatorie per tutti gli imbottigliatori dal 1 Gennaio 2012. Un passo importante quindi, che garantirà il controllo numerico delle bottiglie e la chiara tracciabilità. Le fascette saranno perciò uno strumento efficace per tutelare il marchio Lugana, combattere le contraffazioni realizzate al di fuori del Disciplinare, e preservare quindi l’integrità di un prodotto che deve il proprio attuale successo a un vitigno e a un territorio ben definito, ricco di secoli di storia, cultura e passione.   

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI