No ai domiciliari, Nicoli Cristiani resta in carcere. Il Gip: “Pericolo di reiterazione del reato”

0
Bsnews whatsapp

Il Gip di Brescia, Cesare Bonamartini, ha rigettato la richiesta di arresti domiciliari per Franco Nicoli Cristiani, vicepresidente del Consiglio regionale in carcere con l’accusa di corruzione. Una decisione motivata, a quanto si e’ appreso dai difensori, dal pericolo di reiterazione del reato. Ad incidere sulla scelta anche la deposizione dell’imprenditore Pierluca Locatelli: i 100 mila euro trovati a casa di Nicoli Cristiani sarebbero stati la prima rata di una tangente da 200 mila euro.  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ..son rimasto malissimo di ciò che è emerso. io e tanti altri abbiamo sempre dato a te, franco nicoli, tutto il nostro appoggio e sacrificio politico per una SANA, SANISSIMA IDEOLOGIA LIBERAL DEMOCRATICA. …che delusione.

RISPONDI