Provincia di Brescia a rischio “cancellazione” dal prossimo anno. L’ira di Molgora contro Monti

34

Consiglieri ridotti a dieci e giunta azzerata. Potrebbe essere questo il destino della Provincia di Brescia secondo quanto definito dal cosiddetto decreto Salva-Italia del governo Monti. Le Province, infatti, sarebbero chiamate a contribuire al risanamento dello Stato per oltre un miliardo di euro. Trasformandosi di fatto in organi di indirizzo e coordinamento, depotenziati sia nelle risorse sia nelle competente. Uno scenario che – salvo correzioni dell’ultimo momento – per la Leonessa significherebbe appunto la sparizione di 26 consiglieri e, soprattutto, dell’intera giunta Molgora. E dura è stata la reazione del presidente del Broletto. “Di fatto”, ha spiegato ai microfoni di una televisione locale l’esponente del Carroccio, “la Provincia sarebbe soppressa dal 30 novembre del prossimo anno. Un colpo di spugna fatto da parte di chi non ha ricevuto alcuna investitura popolare, oltretutto senza fare alcuna distinzione territoriale e senza tenere conto delle diverse realtà. Questi professori”, ha concluso Molgora attaccando Monti, “sanno tutto di tutto, ma quando devono attaccare un quadro alla parete non capiscono nemmeno da che parte va impugnato il martello”.

Comments

comments

34 COMMENTS

  1. Era ora che mettessero mano all’abolizione delle province….. e poi, Molgora chi credi di essere? intelligente e preparato solo lui! I leghisti fanno veramente schifo!

  2. Per il momento verrebbero "eletti" 10 consiglieri:ma non dal popolo ma da fantomatici enti locali (quali non è dato sapere).
    Successivamente vorranno ristabilire il podestà?Tanto le elezioni comunali a che servono?
    Poi non saprei cosa potrebbero sopprimere (tanto è per risparmiare,per l’italia,ecc)qualcosa di elettivo è meglio?
    Naturalmente tali decisori non sono eletti……sarà democratico?mah…a me ricorda un pò il fascio…

  3. Dopo anni di governo col Berlusca, di ministri sempre col dito alzato e il rutto in bocca, adesso i legaioli vogliono ergersi a difensori della democrazia e del buon governo … la nostra memoria non è così corta!

  4. aboliamole tutte e subito, e aboliamo immediatamente anche tutte le regioni a statuto speciale, pozzo senza fondo di denaro pubblico rubato – in sicilia soprattutto -. Ai cittadini di queste regioni si sottoponga un referendum semplice cosi formulato: se volete restare siete in benvenuti, ma alle stesse condizioni degli altri… se no siete liberi di andare rispettivamente con Austria, Francia, Catalogna, Algeria, Tunisia Marocco..la’ dove vi portano il cuore e la Storia…

  5. uuuuuuuuuuuuh…. le cadreghine legaiole traballano, la gozzoviglia a romaladrona è finita e scattano gli allarmi…
    tranki, gnari, gh’è semper el Parlament de la Padagna, ‘ndo che sa bef e ‘ndo che sa magna.
    Se, però, chi che paga?

  6. la scompostezza di Molgora, tradisce il complesso di inferiorità. sono stati al governo per 20 anni con berlusca ed ecco dove ci hanno portato. incapaci !!!

  7. Ma Molgora non percepisce lo stipendio da Presidente di provincia, ha già quello di parlamentare!
    La Lega così solerte nel fasi portavoce dell’eliminazione delle Circoscrizioni a Brescia con un risparmio risibile che si riverberà in un danno notevole per i Cittadini più deboli, ora si "strappa le vesti"per l’abolizione delle Province ( a mio parere inutili) questa sì, che porterà un buon risparmio!!!!!!!!!!!!

  8. vi a le provincie e anche le miniregioni, però perchè l’equità non deve esserci solo a parole. Per l’elezione dei 10 consiglieri i fantomatici enti locali chiamati ad eleggerli sono i consiglieri comunali. Finalmente oltre alle spese per gli assessori i portaborse eviteremo anche trame e inciuci.

  9. ciò che mi turba maggiormente sono i grossi problemi cui andranno incontro persone di grande spessore e riconosciute come tali in tutto il mondo. Ad esempio mi sovviene il nome del Maestro Roiatti, che conduce la banda (pardon, l’orchestra) padana con riconoscimenti a livello mondiale e solo per tale motivo, sottolineo solo, è stato ingaggiato dalla provincia per portare nel mondo i violini verdi. Che tristezza, che fine farà il grande Roiatti?

  10. Padania pura e dura a Vicenza.Via i montanari della Val d’Aosta e dell’ Alto Atige che spendono più della Sicilia!Umbertooooooooooo!

  11. Molgora, ma ke ti lamenti!!!!!!! era ora…….. PROVINCE SONO INUTILI , TROPPE MANGERIE…..
    Dai comuni si passa alle regioni , le province sono miliardi di euro buttati via……….

  12. Sono in attesa di risposta : i consiglieri provinciali saranno eletti dai consiglieri comunali dei 207 comuni della provincia?

  13. bravo molgora.. nn hanno capito che sono essenziali le provincie…pratiche, ecc,, sai che caos poi?vogliono oscurare il centro destra sti fenomeni…. altro che tecnici….

  14. Grazie Monti, liberaci! I politici hanno sempre sperperato solo per i loro interessi; FORSE ora, oltre a non pagarli più, ci sarà più razionalità nell’uso delle risorse.

  15. chissà, magari in questo modo rischieremo di avere dirigenti delle strade provinciali scelti per merito; non avremo più inutili capi di gabinetto lottizzati; l’organismo di valutazione per la promozione dei dipendenti sarà fatto solo di esperti, e non, anche, di carrieristi leghisti; non spenderemo fortune per stipendiare musici leghisti in cerca di impiego; eccetera, eccetera, eccetera…

  16. Cioè, il suo partito insieme a quegli altri ci hanno rovinati e si permette anche di adirarsi perchè vogliono cancellare un’istituzione locale che, oramai, è diventata politicamente inutile. Mi sa che l’unica cosa che gli stia veramente a cuore sia quella di tenere in piedi il baraccone che sta alla base degli stipendi, dei gettoni di presenza, e dei tanti privilegi di assessori e consiglieri del Broletto.

  17. Quindi sembra che i 10 consiglieri rimanenti siano "eletti" dai consigli comunali dei 207 comuni della provincia?Cioè si riuniscono TUTTI i consiglieri comunali e si mettono d’accordo?
    Da un governo tecnico mi sarei aspettatp qualcosa di più preciso.
    Tanto valeva continuare con il sistema napoleonico-borbonico: decide tutto il prefetto (tra l’altro l’unico bresciano è stato quello nominato dal CLNAI nel 1945…poi tornarono i soliti..)?
    Chissà perchè mi ricorda un pò il fascio…vero idv?

  18. Almeno la provincia l’abbiamo eletta noi….gli africani che da mesi stiamo mantenendo in val camonica o il presdelcons. attuale che ci impone una super-ICI per mantenerli non li ha eletti nessuno

  19. Senza eleggere i nostri rappresentanti in provincia ci ritroveremo la solita casta di meridionali che spadroneggia in ogni ambito della pubblica amministrazione.

  20. In questi anni di Governo avete rovinato l’Italia e vi permettete ancora di fare battutacce sui negher e sei terù. Ma andate a CASAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!

  21. LA PROVINCIA DI BRESCIA E’ DI CERTO UNO DEI POCHI ORGANISMI ISTITUZIONALI CHE FUNZIONA. …BRESCIA PERDERA’ DI SICURO TANTO CON L’ABOLIZIONE DELLE PROVINCE. …FORSE MONTI HA FATTO DI TUTTO UN FASCIO,COME SI SUOL DIRE. …STA SBAGLIANDO PERO’!

  22. direi di tagliare i fondi al nord dove tra una mazzetta e l’altra a persone che si spacciano per imprenditori rubando denari pubblici da investire in regioni che non parlano di aria fritta ma di sviluppi seri, persone che nulla hanno a che fare con il lavoro onesto , ma puntano solo ad interessi personali alla bella vita , ma quali grandi imprenditori del nord a casa mia si chiamano LADRI!!..

LEAVE A REPLY