L’incontro sui problemi del quartiere della stazione: nessun amministratore si fa vivo

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) Hanno preparato l’incontro da settimane, diramato gli inviti, steso il programma e prenotato una sala presso l’NH Hotel. Ieri, il gran giorno, la delusione per la vana attesa degli amministratori che pure avevano confermato la loro presenza.

C’è profonda amarezza per come sono andate le cose. Questo lo stato d’animo delle persone che fanno parte del comitato Stazioneinsieme, organizzatore dell’evento "Problemi e prospettive del trasporto pubblico in stazione". L’incontro si è fatto ugualmente, certo, ma senza i tre amministratori invitati non aveva la stessa efficacia. Nell’ordine: il vicesindaco con delega alla Mobilità Fabio Rolfi, l’assessore al Commercio e alle Opere pubbliche Maurizio Margaroli e l’assessore al Centro Storico Mario Labolani hanno via via rinunciato all’ppuntamento per il sopraggiungere di improrogabili impegni politici.

L’incontro si è svolto in un clima di incertezza e anche timore per le future sorti del quartiere, che sarà interessato da nuove edificazioni in via Sostegno (residenziale) e dalla possibile costruzione di una nuova autostazione nella stessa via. Un progetto che se dovesse andare im porto (il terreno su cui è ipotizzata la costruzione della stazione è di proprietà della Ferrovie dello Stato) potrebbe stravolgere la viabilità del quartiere, magari liberando parte del traffico dal lato nord ma svuotando parte dell’autostazione in via Solferino, con tutte le conseguenze che vi sarebbero. Secondo quanto raccontato sulle colonne di Bresciaoggi un altro elemento che preoccupa non poco i commercianti (meno i residenti, a dir la verità) è la diminuzione del 40-50% del passaggio dei bus urbani dal piazzale della Stazione, diminuzione già programmata nei piani di mobilità previsti con la partenza della metropolitana.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI