Rolfi (Lega) avverte il Pdl: per il futuro nulla è scontato, nemmeno in Loggia

0

Di divorzio, almeno per ora, non si parla. Ma in decine di consigli comunali del Bresciano, ben presto, Lega e Pdl potrebbero essere “separati in casa”. Con una conferenza stampa che si è tenuta nel pomeriggio di oggi, infatti, il segretario provinciale del Carroccio Fabio Rolfi ha annunciato che i gruppi consiliari del partito prenderanno la denominazione “Lega Nord per l’indipendenza della Padania” e che la Lega – regolamenti dei singoli consigli permettendo – segnerà la distinzione con il Pdl fondando un gruppo con questo nome in ogni realtà in cui è presente.

“Questa decisione”, ha spiegato Rolfi, “è la diretta conseguenza di quanto sta accadendo a Roma. Noi siamo l’unica forza di opposizione al governo Monti e la fase che si era aperta nel 2008 – con il progetto di trasformare il Paese anche per via parlamentare – è ufficialmente finita con le dimissioni del governo Berlusconi. La Lega”, ha aggiunto, “non può sostenere un governo che ha tolto il federalismo dalla su agenda e sta massacrando il Nord con provvedimenti come quelli sulle pensioni di anzianità e sulle case. Porteremo a termine gli impegni che ci siamo assunti a livello amministrativo, anche a Brescia”, ha chiarito il vicesindaco della città, “ma per quanto riguarda il futuro nulla è scontato. Non escludiamo di ripresentarci in alleanza con il Pdl per la Loggia, ma l’accordo dovrà poggiare su nuove basi. Il messaggio per tutti”, ha concluso, “è che per stare con noi sarà necessario condividere il progetto dell’indipendenza della Padania, anche a livello locale”.  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. ahahaha, ce li vedete Agnellini e Bonetti che cantano padania libera? Invece la Compagnia delle opere, pur di mantenere il potere, appoggerebbe seriamente qualsiasi progetto, anche quello dell’ independenza del lambrusco e del Clinto

  2. Vogliono farci dimenticare di essere stati gli alleati di "papi" e di aver buttato a mare tutto il paese. La vedo molto dura per i leghisti perchè non partono dall’opposizione, ma dall’aver SGOVERNATO l’Italia e perchè no, anche la stessa padania. P.S. Il primo massacro alle pensioni ci è venuto dalla riforma Maroni che con le finestre ha fatto passare l’anzianità maturata a 40 anni a 41 e svariati mesi, costringendo un mare di persone a lavorare a gratis mentre, tra condoni, evasori fiscali e altrettanti scudi fiscali; una vergogna inaudita. Per cui se proprio dobbiamo conquistarci l’indipenmdenza procuriamocela cacciando la lega dal contesto umano e civile.

  3. se davvero la lega fosse coerente con le pesanti accuse che rivolge al pdl (" sta massacrando il nord") dovrebbe rompere subito. ma le poltrone fanno gola. idem per il pdl che si lascia dire cose del genere senza fare una piega. la faccia come il…

  4. io sono contento che la Lega vada da sola, così perderà tutti i comuni , compresa Brescia , dove con circa il 20% non può andare da nessuna parte!ma alla fine non sarà così perchè è attacata alle poltrone più del pdl (e del pd, psi, idv…..)

  5. veramente non è che dall’altra parte le cose vadano diversamente, da solo il pd (visto che l’idv sta andando per i fatti suoi)non va da nessuna parte! Sarà curioso se e quando si andrà ad elezioni vedere chi vincerà!

  6. Ora spero che l’ udc esca da questa maggioranza sgangherata. Dovrebbe riconoscersi nella secessione… Ma suvvia basta con le rolfate

  7. Curioso constatare che la Lega decide di rompere con l’alleanza per ribadire il progetto dell’independenza della padania. Difficile capire perchè a parole adesso, ma con i fatti (forse) dopo il 2013. Quindi fino al 2013 continueranno a governare col PDL nel segno dell’Italia unita, il giorno dopo le elezioni inneggeranno all’inno della padania. Curioso, veramente curioso. Anche perchè, ne sono certo (!!!) non è certo per conservare i posti di potere e sottopotere che fanno questo. Nooooooo, ci sono sicuramente ragioni PIù nobili e profonde!!

  8. basta guardarlo, per capire che, uno così, non può che ineggiare alla "indipendenza padana".
    a quando la proclamazione della "guerra di secessione"?

LEAVE A REPLY