I militanti del Magazzino 47 occupano l’ex cinema Astra

27

Dopo il blitz di sabato scorso durante la giunta di quartiere in centro storico, i militanti del centro sociale Magazzino 47 hanno messo a segno una nuova azione di protesta. Oggi, poco dopo le 15, hanno occupato il cinema Astra di via X Giornate, vuoto da anni. L’azione, hanno spiegato i manifestanti, si inserisce all’interno della campagna in difesa del Centro Sociale Magazzino 47 di via Industriale “messo sotto sfratto dalla giunta destro leghista Paroli-Rolfi”.

Nel cinema si terranno proiezioni gratuite, musica mentre alle 17 è partito un corteo per le vie del centro.

La clamorosa azione dimostrativa, nel pieno dello shopping natalizio, non sarà l’ultima, hanno minacciato i manifestanti, se non si troverà una soluzione per la sede del centro sociale. L’immobile è di proprietà del Comune che non vuole rinnovare il contratto d’affitto – in scadenza a fine mese – e chiede subito gli arretrati, circa 60mila euro.  

Comments

comments

27 COMMENTS

  1. Mi sono sempre chiesto che ci facesse chiuso, in pieno centro storico, un cinema, a pochi passi dalla Loggia. Se non ricordo male, una delle promesse dell’attuale Giunta era quella di rivitalizzare il centro storico, presumo anche culturalmente. Tutto ciò non è mai avvenuto, anzi! Tra l’altro, circolava anche voce che il cinema Astra potesse diventare una sede/magazzino commerciale, per cui potrebbe tornare interessante l’idea di un nuovo grande spazio culturale dopo lo sblocco della manifestazione di protesta, Sempre che la cultura ritorni argomento centrale d’interesse per la maggioranza PDL-Lega che, invece, sembra più interessata a dilapidare le casse comunali spendendo ben 23 milioni di euro per realizzare un nuovo parcheggio sotto la galleria Tito Speri, nonostante la metà degli attuali parcheggi sia sistematicamente deserta e prossimo l’avvio della nuova metropolitana.

  2. ma possibile che con questa giunta i problemi non si risolvono mai? loro sono disponibili a pagare, il comune invece non vuole rinnovare nemmeno se pagano. ma abbiamo proprio amministratori incapaci !!!!

  3. Il ragionamento è molto semplice: chi prende dei locali in affitto DEVE impegnarsi a pagare la locazione e soprattutto, deve essere regolare nei versamenti. Lo stesso vale per acqua, luce, gas e ogni altra utenza.

    Non è minimamente pensabile che debba essere l’Amministrazione Comunale o, peggio, la Collettività a farsi carico di tali costi. Nella precedente sede del centro storico di Brescia, ai tempi del Sindaco Corsini, pare di ricordare che Magazzino 47 fu sfrattato per morosità.

    Ora, la cosa si ripete, vale a dire che i militanti hanno di nuovo accumulato un debito di locazione e sono recidivi.

    Oltretutto, essendo in torto marcio, anzichè fare atto di umiltà cercando un sereno dialogo, offendono chi non la pensa come loro.

    Ogni persona di buon senso dovrebbe capire questo semplice ragionamento, ma quando si vivono i propri DOVERI in "libera interpretazione" risulta impossibile capirsi.

  4. Ma per quale motivo dobbiamo rinnovare a dei recidivi nei pagamenti,se non vogliono pagare un affitto forse vuole dire che non ci tengono al loro centro.

  5. Bhe almeno non sono gli unici a non pagare quello che dovrebbero. Faranno buona compagnia a chiesa e sindacati. Non risulta ad oggi che paghino un solo euro di ici o imu. Furbacchioni!

  6. C’è sempre qualcuno che scrive a vanvera senza conoscere i fatti. E si che anche dalle pagine di questo giornale online è stato più volte ripetuto che non sono loro che non vogliono pagare è il Comune che non vuole riconoscere la volontà di fargli pagare il giusto canone in una zona soggetta, tra l’altro a disastro ambientale e, che pertanto dovrebbe vedere riconosciuti elementi di valutazione del canone che non si vogliono riconoscere solo per una cocciuta ed ingiusta pregiudiziale politica. Infatti,mentre questi del Magazzin0 47 sono considerati antagonisti, quegli altri sono estremisti di destra.

  7. Magari riuscisse a resistere l’occupazione dell’Astra! Finalmente un pezzettino del centro sarebbe liberato dalle logiche puramente commerciali, invece degli eventi-vetrina ci sarebbe la possibilità di fruire di proposte culturali differenti, si potrebbe assistere a qualche proiezione diversa dai cinepanettoni e/o blockbusters. Insomma, un po’ d’aria fresca in un centro storico soffocato dallo smog fisico e anche culturale…

  8. eh sì. così se il commercio non funziona,altre Persone perdono il posto di lavoro , così magazzino 47 può ingrossare le sue fila (scarne, ma rumorose)e protestare contro la disoccupazione.

  9. E’ vero che le opinioni sono come il DNA, ognuno il suo ma davanti a chi senza il minimo rispetto "okkupa" luoghi privati senza averne diritto, questo, scusate e’ da considerarsi vandalismo e punibile per legge. Purtroppo, per ragioni di ordine pubblico, non si puo’ intervenire e su questo, i nostri "Magazzinieri" ci giocano e fanno leva. Questo, in un qualsiasi altro paese non lo permetterebbero! L’affitto non e’ ne questione di destra e neppure di sinistra, e’ questione di rispetto civico e dei contratti che se rcordo bene, contratto stipulato con giunta di sinistra come anche l’aggiudicazione dell’area senza problemi di ambiente o qualsiasi altro problema di impatto! Con questo, capisco che ognuno possa portare l’acqua al proprio mulino ma non riconoscere questo e’ da pretestuosi ed anche meschino. A prescindere dalla destra o sinistra, questo e’ comunque un problema politico da risolvere ed in democrazia ci sara’ sempre chi e’ contento e chi no, salvo fare come al tempo della DC che si trovava la classica soluzione all’italiana.

  10. Alà macarù!
    Ci divertiremo un modo quando verrà okkupata casa tua (dove ci paghi l’IMU maggiorata del 60% anche se non ci abiti)…..via questo grigiore!
    Macarù 2 volte.

  11. una giunta di estrema destra che per ragioni ideologiche rifiuta il pagamento di 60mila euro: tanti i soldi non sono i loro ma i nostri.

  12. Quelli del MAGAZZINO 47 non dovrebbero avere problemi a sborsare 60.000 euro visto che la loro festa di agosto (festa di RADIO ONDA d’ URTO) raccoglie, da fonti vicine alla radio …. oltre UN MILIONE E MEZZO di euro — tutto ESENTASSE — cioè tutto in NERO o con la formula "SOTTOSCRIZIONE" …..
    Proprio così per chi non ci crede andate ai loro concerti e vedrete che i biglietti sono in realtà delle SOTTOSCRIZIONI …. quindi ESENTASSE ….
    Poi sono loro i primi a pretendere che gli altri paghino per loro ….. forse i "ragazzi" del MAGAZZINO sanno fin troppo bene che se l’ affitto non lo pagano …. i 60.000 euro li PAGHIAMO TUTTI NOI …. anch’ io che sto scrivendo e anche tu che stai leggendo …. PAGHIAMO NOI TUTTI IL LORO AFFITTO e LE LORO FESTE !!!
    E che scrive vota a sinistra … quindi NON TACCIATEMI di leghismo o fascista …. oppure fate come volete …. tanto non sono nè leghista nè fascista …. ma non voglio nemmeno essere un CUCU’ !!!

  13. Per il sig Milani Giovanni. Intervengo poichè il sig Milani tira in ballo radio onda d’urto, emittente di cui sono coordinatore di redazione. Le sue fonti sono purtroppo (e sottolineo purtroppo) inattendibili. La somma indicata è assolutamente falsa ed esagerata in modo spropositato. Sugli introiti della festa vengono pagate le tasse nella misura in cui compete ad una associazione culturale senza fini di lucro come quella che gestisce la radio, che peraltro non fa pubblicità ed è totalmente autofinanziata. Così come viene pagata la SIAE per i concerti. Per quanto riguarda il Magazzino 47, i rappresentanti del Centro sociale hanno ribadito anche ieri la propria volontà di pagare gli affitti arretrati non appena la giunta rispetterà e rinnoverà la convenzione per garantire l’esistenza di questa realtà di aggregazione e di dissenso; la convenzione era stata sottoscritta con l’amministrazione precedente ed era sempre stata rispettata. Per concludere una curiosità sig Milani: per quale sinistra vota una persona che ha un tale livore verso una radio libera ed un centro sociale??

  14. A LAVORARE..invece di imbrattare muri pubblici, pagate come tutte le persone normali fanno, fa bene la Giunta a non dargliela via, bisogna intervenire con la forza..

  15. Caro GOBBI …. Perchè …. io che voto PD non sono di sinistra? O la sinistra è solo SEL o RIFONDAZIONE o l’ ANTAGONISMO NO-TAV e simili ???
    O c’è qualcuno che può dare il marchietto "SINISTRA" come vorreste fare voi !!!
    Io voto PD e mi sento di sinistra da oltre 40 anni e sicuramente non accetto "lezioni" dai figli di papà che da anni giocano a fare i "compagni" !!!

  16. Plachi il suo livore sig Milani, era solo una curiosità; si informi meglio però sulle questioni di cui parla, magari, se non crede a noi, chieda anche ai consiglieri comunali o ex amministratori del Pd piuttosto che credere a Rolfi; oppure se la polemica con le realtà che attacca è di carattere politico lasci perdere quei toni, carichi di astio personale e di menzogne; per quanto mi riguarda non intendo darle lezioni ma le assicuro che anche lei sig Milani non mi deve insegnare niente, nè in termini di coerenza nè di"militanza". Io mi fermo qui; se le fa piacere, in questo contesto sociale e politico e con questa giunta, prendersela con radio onda d’urto e il Magazzino, oppure con il sottoscritto, faccia pure; ero intervenuto solo per ristabilire la verità sulla festa della radio e sulla vertenza del centro sociale.

  17. Plachi il suo livore sig Milani, era solo una curiosità; si informi meglio però sulle questioni di cui parla, magari, se non crede a noi, chieda anche ai consiglieri comunali o ex amministratori del Pd piuttosto che credere a Rolfi; oppure se la polemica con le realtà che attacca è di carattere politico lasci perdere quei toni, carichi di astio personale e di menzogne; per quanto mi riguarda non intendo darle lezioni ma le assicuro che anche lei sig Milani non mi deve insegnare niente, nè in termini di coerenza nè di"militanza". Io mi fermo qui; se le fa piacere, in questo contesto sociale e politico e con questa giunta, prendersela con radio onda d’urto e il Magazzino, oppure con il sottoscritto, faccia pure; ero intervenuto solo per ristabilire la verità sulla festa della radio e sulla vertenza del centro sociale.

  18. qualsiasi amministrazione sensata dovrebbe avere più interesse a includere che a escludere. In fondo, a fronte di tante iniziative pseudo culturali che vengono finanziate, il centro sociale svolge una funzione importante, e lo fa con le sue forze

  19. qualsiasi amministrazione sensata dovrebbe avere più interesse a includere che a escludere. In fondo, a fronte di tante iniziative pseudo culturali che vengono finanziate, il centro sociale svolge una funzione importante, e lo fa con le sue forze

  20. Non pagano come come fanno i comuni cittadini che versano le tasse, pare che facciano tutto in "nero"(…), non hanno lavori ben definiti, sono recidivi, non è che son provocatori-fascisti???????

  21. forse della ignoranza. in quel senso ha ragione. ma basta documentarsi un po’ di più e la paura passa. la verità è che la giunta di qs città rifiuta il pagamento di 60mila euro per ragioni ideologiche. chi è estremista?

LEAVE A REPLY