Toma (Pdl): “Su Irpef e alienazioni si apra un confronto su priorità e modalità di spesa”

0

"Anche alla luce della manovra del governo Monti e delle ripercussioni che questa avrà sulle famiglie e su ogni singolo cittadino la maggioranza deve fare una riflessione seria e ben ponderata circa le modalità di applicazione dell’addizionale IRPEF, anche coinvolgendo e ascoltando le opposizioni e le parti sociali più rappresentative della nostra città". E? quanto scrive in una nota il presidente della commissione urbanistica Marco Toma (Pdl)

 

"A parità di saldo in entrata – continua Toma – deve essere fissata una congrua no tax area (bene € 15.000 come ventilato, meglio € 18.000) oltre la quale vanno previsti pagamenti progressivi in base al reddito prodotto. In ogni caso l’imposta non deve gravare sulle fasce sociali più deboli che con fatica affrontano questo grave momento storico.

 

"Non sono d’accordo sull’applicazione di un’aliquota fissa sia perché ciò contrasta con i più basilari principi costituzionali sia perché ciò graverebbe ancora di più sul ceto medio e le classi popolari bresciane.

L’addizionale IRPEF deve essere una tassa di scopo dedicata a coprire i costi della metropolitana; se invece, oltre a questi, deve coprire anche i costi di qualcos’altro, allora deve essere aperto un confronto sulle priorità e sulle modalità di spesa tenendo in considerazione che in tempi di crisi e austerità è necessario valorizzare al meglio tutte le risorse (comprese le aziende partecipate ) per massimizzare le entrate non solo economiche ma anche in base al tasso di soddisfacimento dei bisogni della cittadinanza ed avere una lista chiara e snella di spesa basata su priorità concrete e necessarie per i cittadini senza svendere il patrimonio comunale, mobiliare ed immobiliare, costruito sapientemente in generazioni di buona amministrazione".

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY