Droga, tre stranieri arrestati dalla polizia locale per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

5
Bsnews whatsapp

La Polizia Locale, durante specifiche operazioni antidroga, ha tratto in arresto tre persone per detenzione e spaccio di droga, in manette sono finiti due uomini originari del Marocco e uno della Tunisia uno di loro presente in forma irregolare sul territorio nazionale.

Il primo arresto si è svolto nell’area tra le vie Garibaldi e Calatafimi dove gli agenti hanno riconosciuto il 27enne marocchino, a loro noto in quanto già arrestato in data 3 maggio 2010 e 19 maggio 2009 per medesimo reato, quindi fermato e trovato in possesso complessivamente di circa 33 grammi di hashish.

La seconda operazione è avvenuta nell’area del quartiere Sant’Anna e si è conclusa in via Tartaglia dove un 26enne di origine marocchina ma con regolare permesso di soggiorno e residente a Brescia, è stato fermato per evidenti movimenti sospetti. L’uomo, infatti, una volta condotto in via Donegani, è stato sottoposto a perquisizione che ha portato al ritrovamento di pochi grammi di hashish. L’operazione è proseguita con il controllo della sua abitazione, in via Bettoni: qui gli inquirenti hanno trovato, in un anfratto della cantina una mezza “panetta” di hashish per un peso complessivo di circa 49 grammi. Oltre alla droga è stato trovato e sequestrato un grosso coltello da cucina lungo cm 32 con bruciature tipiche per la suddivisione della sostanza stupefacente.

La terza operazione si è svolta nella serata di giovedì 15 dicembre nell’area tra le vie Bronzetti e Matteotti e ha portato all’arresto di un uomo di origine tunisina, classe 1983. Notata la sua eccessiva agitazione, gli inquirenti hanno proceduto alla perquisizione personale e successivamente nella sua abitazione di via Matteotti. Complessivamente sono stati sequestrati 56 grammi di hashish, oltre a banconote pari ad una somma di 250 euro, un coltello da cucina ed un paio di forbici con impugnatura di plastica. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

5 COMMENTI

  1. Ok accertato che sono in parte pregiudicati e irregolari….si proceda dopo la detenzione all’espulsione.
    E’ anche nell’interesse dei marocchini,tunisini regolari (in tutti i sensi) che i LORO deliquenti vengano eliminati.

  2. un razzista non può appellarsi alla tolleranza ed alla moderazione, perché il razzismo è la negazione stessa della tolleranza e della moderazione. dovete tacete maledetti! tolleranza zero verso di voi. bisogna trattarvi come voi trattate gli altrivermi! gli uomini son tutti uguali.

RISPONDI