La Cgil: bene le dichiarazioni del prefetto contro le ordinanze discriminatorie

0

“Bene le dichiarazioni del prefetto. In linea con le raccomandazioni dell’Unar sui diritti sociali irrinunciabili”. A dirlo è una nota della Cgil che commenta così le parole del prefetto Livia Brassesco Pace che, nell’intervento di fine anno, ha espresso soddisfazione per la diminuzione delle ordinanze ‘discriminatorie’ dei sindaci bresciani.

 

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO:

Nel tradizionale messaggio di auguri di fine anno, il prefetto di Brescia Livia Narcisa Brassesco Pace ha espresso soddisfazione per il fatto che «in quest´ultimo periodo sono diminuite le ordinanze che in nome della sicurezza urbana si innestano su questioni di nascita e di cittadinanza» e che, a riguardo, siano invece «altri i metodi da utilizzare per governare i flussi migratori» e come «al prefetto e ai sindaci non competa dare delle valutazioni, ma solo far rispettare ciò che il legislatore decide».

Come Camera del Lavoro non possiamo che essere lieti per tale sottolineatura dal momento che è oramai tre anni che ci troviamo obbligati a frequentare le aule dei tribunali per fare annullare ordinanze e delibere di sindaci che interpretano il loro ruolo in modo bizzarro e autoritario.

Proprio a fine novembre, peraltro, l’UNAR (Ufficio nazionale antidiscriminazioni che fa capo alla Presidenza del Consiglio) ha fatto una raccomandazione (n.781 del 29/11/2011) nella quale invita ad evitare condotte discriminatorie e sottolinea che quando una determinata prestazione di assistenza sociale è prevista dalla legge statale o regionale «ad essa automaticamente accedono, oltre che i cittadini italiani e i cittadini comunitari, anche gli stranieri extracomunitari regolarmente soggiornanti».

L’UNAR richiama a riguarda la sentenza della Corte Costituzionale (187/2010) nella quale si ricorda che «vi è un nucleo irrinunciabile di diritti fondamentali, tra i quali sono compresi anche diritti sociali, rispetto ai quali non è ammessa alcuna distinzione tra i consociati».

Con buona pace, insomma, dei sindaci bresciani di città e provincia che in questi anni hanno invece cercato di forzare la situazione. L’augurio è che, con il nuovo anno, le ordinanze discriminatorie finiscano nel dimenticatoio.

Camera del Lavoro di Brescia

Comments

comments

1 COMMENT

  1. aahhh provate ad andare non dico in Pakistan…ma solo in Tunisia a chiedere casa,bonus bebè,mensa gratis,chiesa,diritto di voto,ecc

  2. Quindi che si fa: che chi è più avanti deve prendere esempio da chi è meno avanti o si fa il contrario? Siccome là sbagliano, dobbiamo sbagliare anche noi?

  3. beh non e’ obbligatorio dare il bonus bebe’ nemmeno agli italiani , anzi non e’ obbligatorio punto e basta , quindi se un qualsiasi giudice del lavoro ha deciso che bisogna darlo a tutti persino immigrati che non hanno mai versato un solo centesimo nelle casse dello stato meglio non darlo a nessuno , anche perche’ con la quantita’ di figli che annualmente gli stranieri fanno nascere resterebbero solo le briciole . meditate sindaci meditate , spendete i soldi per riparare le strade che fanno schifo .

  4. ti pareva che la cgil non sprecava il fiato per aiutare gli immigrati.Intanto gli operai italiani lo prendono in quel posto da monti e la fornero…ma chissenefrega:è tanto bello giocare a fare gli antirazzisti.

  5. Gli uomini sono tutti uguali! Pensione di Marrazzo e di Alfio Pantelleria. Pensione di Cossutta e di Bortolino Marmentino. Pensione di Mario Capanna e Faustino Cidneo . Lavoro del "trotino patagno" e di Rossella Seppia…….

  6. la stupidità dei razzisti impedisce loro di capire cosa vuol dire UGUALI. sono i razzisti i diversi e vanno messi ai margini della società perché sono dei vermi, la feccia dell’umanità. tolleranza zero verso i razzisti. maledetti !!

  7. ahahahah il sinistro che chiama vermi e maledetti i (a suo insindacabile giudizio) razzisti è il mio nuovo idolo:chissà che lavaggio del cervello si è fatto fare a forza di "societa multiculturale" e "accoglienza"….o magari è semplicemente un immigrato ammaestrato?

LEAVE A REPLY