I sindaci franciacortini all’attacco: basta con cave e discariche imposte dall’alto

8
Bsnews whatsapp

Gli amministratori dei comuni di Berlingo, Castegnato, Cazzago San Martino, Paderno Franciacorta, Passirano, Rovato e Travagliato – con una nota inviata oggi – si dichiarano “fortemente preoccupati poiché il territorio dei nostri Comuni sta subendo una violenza che non possiamo tollerare, a causa di Piani di Settore difformi rispetto all’indirizzo amministrativo da noi voluto e di una legislazione regionale che tutela più gli interessi degli operatori privati che le esigenze condivise del territorio”. E chiedono “alla politica bresciana, recentemente toccata da vicende giudiziarie riguardanti il settore e che interessano anche alcuni di questi ambiti territoriali, di dimostrare uno scatto d’orgoglio e di responsabilità fino ad oggi tanto dichiarato, quanto puntualmente disatteso”.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

Tutto si sta pericolosamente e inspiegabilmente concentrando su questa parte di territorio bresciano, già ampiamente martoriato con la presenza di cave, discariche e grandi infrastrutture viabilistiche. Come Comuni di Cazzago San Martino, Travagliato, Rovato e Berlingo siamo da troppo tempo in attesa del riconoscimento provinciale del parco intercomunale della Macogna; mentre prosegue questo tergiversare, registriamo l’espressione di pareri favorevoli provinciali alla VIA (Valutazione Impatto Ambientale) per una discarica di rifiuti inerti e la celere concessione di autorizzazioni ad ulteriori escavazioni, in un ambito estrattivo di oltre 600.000 mq in cui è già successo di tutto (escavazioni abusive, conferimenti illeciti di rifiuti, mancato rispetto degli obblighi in capo ai cavatori, sequestri di aree da parte della Magistratura…). Come Comuni di Rovato e Cazzago San Martino abbiamo il problema della cava Bonfadina nella quale la pianificazione del Piano cave provinciale e la successiva approvazione regionale hanno determinato un bacino estrattivo enorme in piena Franciacorta, contro la volontà unanime del territorio. Come Comuni di Castegnato, Paderno Franciacorta e Passirano, con il comune di Ospitaletto, ci siamo in più occasioni espressi contro il progetto di realizzare una discarica in località Bosco Stella, un’area di 315 mila metri quadrati. Contrari a questo progetto si sono espressi all’unanimità i nostri consigli comunali e i nostri cittadini costituiti nei Comitati. Abbiamo più volte ribadito le ragioni del NO dei nostri Comuni, l’ultima volta nel corso dell’audizione in Provincia, giovedì 15 dicembre. Le motivazioni tecniche le abbiamo presentate, rafforzate, puntualizzate, illustrate, pubblicizzate. Nonostante tutto questo, l’iter autorizzativo, anziché interrompersi, continua e accelera il suo percorso, anche alla luce delle recenti dichiarazioni dell’Assessore Regionale competente, che ha demandato ai tecnici la decisione definitiva. Noi sottoscritti Sindaci ribadiamo ancora una volta il nostro “NO ALLA REALIZZAZIONE DI NUOVE DISCARICHE”. Riassumiamo le motivazioni sociali, politiche, ambientali e territoriali in una affermazione: abbiamo già dato, e anche molto; ora tocca ad altri, se ve n’è effettivo bisogno, fare la propria parte. Il nostro territorio non ha bisogno di ulteriori aggravi ambientali; semmai, necessita di riqualificazione, ricucitura e interventi migliorativi. Il nostro NO non è quindi una fuga dall’assunzione di responsabilità collettive, perché la nostra parte l’abbiamo fatta. Il nostro NO non è il NO elitario di qualche sindaco, giunta o consiglio comunale, è il NO della nostra gente che si esprime anche attraverso i Comitati e le Associazioni, è il NO del territorio. C’è secondo noi, da parte degli esponenti politici di Provincia e Regione, una pericolosa e preoccupante (speriamo non interessata) fuga dalle proprie responsabilità. La politica deve riappropriarsi della capacità di poter dialogare con Enti comunali e sovra comunali, ma deve anche avere la capacità di ergersi a decisore e arbitro della pianificazione del territorio, non assoggettata a scelte privatistiche dettate da interessi economici o nascosta dietro decisioni semplicemente tecniche. Essendo la politica determinante in tutte le decisioni che vengono assunte, chiediamo a Provincia e Regione, per quanto di competenza, di ascoltare noi e le nostre comunità e non solo i pur legittimi interessi economici dei settori coinvolti. La posizione che qui nuovamente ribadiamo, di contrarietà a nuove cave e discariche, trova la principale motivazione nell’alta concentrazione di cave e discariche presenti sul nostro territorio. Chiediamo alla politica bresciana, recentemente toccata da vicende giudiziarie riguardanti il settore e che interessano anche alcuni di questi ambiti territoriali, di dimostrare uno scatto d’orgoglio e di responsabilità fino ad oggi tanto dichiarato, quanto puntualmente disatteso. I sindaci, che per primi sono chiamati a rispondere ai propri cittadini della gestione e del consumo del suolo, in questi casi risultano di fatto esautorati di ogni possibilità di intervento e di potere decisionale. Non è accettabile il concetto secondo il quale ad ogni cava deve corrispondere una discarica; non è ammissibile che i sindaci e le comunità vengano puntualmente scavalcate e che il territorio dei nostri Comuni sia oggetto di interessi di pochi a danno di tanti; non possiamo continuamente accettare che operazioni finanziarie non sempre limpide siano assunte sulla pelle dei nostri cittadini. Dopo molti anni di battaglie e di prese di posizione politiche e tecniche, dopo anni di carteggi e deduzioni tecniche, dopo anni in cui tutti i politici ci hanno promesso di interessarsi dei nostri casi, siamo stanchi e delusi. Siamo stanchi di continuare a combattere una battaglia con armi scadenti, siamo delusi dai tanti politici che a tutti livelli, dal provinciale al nazionale, hanno promesso di interessarsi al nostro problema senza, sino ad ora, nulla ottenere. Noi in questi anni abbiamo fatto tutto ciò che ci competeva: abbiamo scritto, manifestato con i nostri cittadini, convocato conferenze, incontrato politici ad ogni livello, presentato proposte alternative di recupero ambientale. Pur delusi e amareggiati, ma con rinnovato vigore e impegno, continueremo a sostenere le nostre posizioni; altri dovranno motivare e giustificare scelte che vanno palesemente contro la volontà dei nostri territori.

Dario Ciapetti sindaco di Berlingo

Giuseppe Orizio sindaco di Castegnato

Giuseppe Foresti sindaco di Cazzago San Martino

Antonio Vivenzi sindaco di Paderno Franciacorta

Daniela Gerardini sindaco di Passirano

Angelo Bergomi vice sindaco di Rovato

Dante Buizza sindaco di Travagliato Paderno Franciacorta

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

8 COMMENTI

  1. Se il Comune DAVVERO non vuole la discarica, puó non farla fare. Occhio ai furbi che tentano di gettare le responsabilità addosso ad altri.

  2. Lei non sa un’emerita mazza delle normative. Una discarica e una cava sono autorizzate da Regione Lombardia su proposta della Provincia. Il Comune viene audito ma il suo parere non conta nulla, se gli enti superiori decidono di autorizzare. Chi dice il contrario mente sapendo di mentire.

  3. al netto delle polemiche politiche, ha ragione "lettore attento". se poi vogliamo guardare quali sono i partiti che governano provincia e regione…i cittadini dei territori coinvolti sapranno giudicare! bravi i sindaci, che danno voce ai loro paesi: sono più vicini ai "cittadini padani" loro o la lega?

  4. Nel testo del comunicato vengono descritti tre casi concreti che, per chi segue la cronaca politica-ambientale bresciana, sono sulle pagine dei giornali da anni.
    Come mai quando i Comuni ricorrono al TAR contro progetti calati sulla loro testa da Provincia e Regione e a cui si sono dichiarati contrari tramite osservazioni nette e chiare a più riprese questi enti sovraordinati resistono in tribunale contro le istituzioni locali, mentre se fosse un cavatore/discaricatore a ricorrere contro una decisione regionale/provinciale che ne limitasse l’interesse Provincia e Regione non si costituiscono in tribunale?
    Qualcuno me lo spiega? Parlo di Regione Lombardia e Province di Brescia e Bergamo.

  5. Tutto molto bello,ma sarebbe altrettanto bello se questi stessi sindaci smettessero di cementificare ogni cm2 del loro territorio…ovvio poi chi i sinistri ne facciano una questione sinistra-destra:non sanno fare altro.

  6. Peccato che analizzando i dati dei PGT di questi Comuni il consumo di suolo agricolo è tendente allo zero e sono tutti ai primi posti di percentuale di raccolta differenziata.

  7. Che facciano quello che gli pare (come sempre poi..) però mi chiedo perchè
    non mettete i nomi di chi invece è il promotore di tutto questo e l’ azienda/e
    (nome della/e azienda/e e dei proprietari…sò che in genere sono srl, spa, controllate da altre spa… veniamone a capo in qualche maniera sù diamo dei nomi)
    che beneficeranno del business??
    Mi piacerebbe avere un informazione più completa e meno standardizzata.
    Questa notizia è uguale a prescindere dalla fonte, si dice sempre la stessa cosa ovunque.
    Scusate non voglio offendere nessuno ci mancherebbe, però più che una notizia
    sembra un promemoria di ciò che già si sà..Ma come è possibile?
    Ottimo essere informati ancor di + se di cose che si ignorano, non credete?
    Ho smesso di guardare i telegiornali non per quello che dicevano ma per quello che non dicevano.
    I tg ormai non servono più a nulla, Il web è futuro già da ieri!Sotto con l’ informazione "MIA PORA DE GNENT"!!!

RISPONDI