7 sindaci uniti contro la proliferazione di cave e discariche in Franciacorta

0

(a.c.) Un territorio preziosissimo, la cui vera ricchezza è rappresentata dall’ambiente. Sette sindaci si sono uniti per ribadire questo concetto e fare un appello contro la proliferazione di cave e discariche.

Parlano di violenza i sette sindaci quando descrivono la situazione attuale di uno dei territori più tartassati della provincia, la Franciacorta. I sette primi cittadini di comuni anche al di fuori dalla Franciacorta (Berlingo, Castegnato, Cazzago, Paderno Franciacorta, Passirano, Rovato e Travagliato), hanno lanciato un appello pubblico contro le logiche di concessioni estrattive che non tengono conto del parere degli enti su cui le cave insistono, e spesso contro il parere (a volte unanime) della popolazione. I sette sindaci sono si sono raggruppati a caso: sono addirittura 3 i fronti comuni anti-cave che in questi ultimi anni stanno interessando i loro paesi, e per i quali si stanno cercando di istituire tre diversi parchi. Si sta parlando del Parco della Macogna, del parco Bosco Stella e della zona di tutela tra Rovato e Cazzago nell’area della cava Bonfadina. Le responsabilità delle concessioni estrattive sono tutte regionali e provinciali, e spesso a detta dei sindaci guardano più a logiche private che comunitarie. Si deve cambiare strategia prima che sia veramente troppo tardi.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome