Ospedale di Desenzano, il servizio di emodinamica esteso 24 ore su 24

0

A partire dal 1 gennaio 2012 l’attività del Servizio di Emodinamica dell’Ospedale di Desenzano è stato esteso su tutto l’arco delle 24 ore, sette giorni su sette.

Dopo il primo intervento, eseguito il 22 settembre 2010,da qualche giorno l’attività è stata estesa anche alle ore notturne e festive garantendo la diagnosi e cura immediate della malattia coronarica tramite l’esecuzione di esami diagnostici, come coronarografie e di interventi salvavita, come angioplastiche.

“L’attivazione dell’Emodinamica h24 che ho fortemente voluto e per la quale ci siamo attivati fin dallo scorso luglio – dichiara il Dott. Fabio Russo Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera – è un traguardo importante per la Cardiologia e per tutto l’Ospedale di Desenzano che si inserisce così a pieno titolo nella rete dell’emergenza cardiologica bresciana, gestita dal 118, che consente di accettare e trattare i pazienti con infarto acuto.”

“Per il nostro territorio – sottolinea il Direttore Sanitario Dr.ssa Anna Maria Indelicato – si tratta di un importante passo avanti nella gestione del rischio cardiologico per il quale la tempistica è decisiva. E’ infatti importante intervenire rapidamente, entro 60-90 minuti dal primo contatto medico, per poter garantire ai pazienti una cura adeguata e la riduzione della mortalità.”

Il Laboratorio di Emodinamica, che fa parte dell’Unità Operativa di Cardiologia diretta dal Dr. Vigilio Ziacchi, ha eseguito fino ad oggi (1 anno e 2 mesi di attività) 846 coronarografie e 402 angioplastiche.

Sin dal momento dell’apertura del nuovo Servizio, l’Azienda Ospedaliera ha investito in professionalità specifiche avvalendosi della presenza del Dr. Marco Sesana che vanta un’esperienza decennale nel settore.

Oggi collaborano con il Dr. Sesana altri tre medici (Dr. Mario Arieti, Dr. Sergio Rutigliano, Dr. Giuliano Villa) e sei infermieri (Elisabetta Antonutti, Greta Bonatti, Vinicio D’Alfonso, Maria Paola Franceschini, Alessandra Mor, Mirko Privitera) che hanno seguito anche corsi di formazione sul campo presso altre strutture della Lombardia e che possono quindi garantire un’ottima qualità del servizio.

L’ampliamento degli orari di apertura permetterà di evitare il trasferimento dei pazienti in altre strutture che, fino ad oggi, era invece necessario negli orari in cui l’Emodinamica non era attiva. Questo permetterà di ridurre eventuali ritardi, ed i rischi correlati, rendendo così più efficiente e capillare anche l’intera rete dell’emergenza cardiologica.

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY