Brescia, con “Respira” Comune e Università indagano le conseguenze dell’inquinamento sui bambini

0

Un indagine tra i bambini di San Polo aveva già messo in relazione il livello di inquinamento dell’aria bresciana con le patologie respiratorie più frequenti, ma con il progetto “Respira” Comune e Università degli Studi di Brescia allargheranno il campo d’indagine ad altre zone della città. I monitoraggi, che partiranno la prossima settimana e coinvolgeranno dieci – dodici scuole materne cittadine e circa 200 bambini, saranno affidati alla sezione Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica dell’Università statale che, con il consenso dei genitori, per un anno e mezzo (fino alla primavera 2013) proverà ad indagare le eventuali conseguenze sull’apparato respiratorio nei bambini esposti a fattori inquinanti.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. ottimo…poi però quando si tratta di analizzare la fonte del problema e quindi le sostanze inquinanti…che non si blocchi tutto per un problema di competenze e si prendano provvedimenti a lungo temine, non solo il blocco del traffico quando "qualcuno" non ha necessità di muoversi con l’auto.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome