Borgo San Giacomo, il gas killer uccide nel sonno due egiziani

0

Stavano dormendo. E non si sono più risvegliati. E’ successo a due uomini egiziani, Osman Abdel Fatah Moustafa Kamal, 50 anni, e Gamal el Gohary Mohamed, 45 anni, che la notte tra venerdì e sabato si sono addormentati nella propria casa di Borgo San Giacomo per non risvegliarsi più. Sembra che la colpa sia di un braciere acceso dai due poco prima di addormentarsi e che, secondo le ipotesi, ha sprigionato monossido di carbonio in una quantità tale da rendere la stanza da letto simile ad una camera a gas. I due uomini, che erano appena rientrati da una breve vacanza in Egitto, sono stati trovati cadavere nell’alloggio al piano superiore del ristorante pizzeria Eden di Borgo San Giacomo, dove lavoravanoi come cuoco e pizzaiolo. Ieri mattina avrebbero dovuto ripulire il ristorante dopo un lungo periodo di chiusura e in vista della riapertura, ma il marito della titolare, accortosi che alle 10 la saracinesca del locale era ancora abbassata è entrato nell’appartamento dei due egiziani e ha fatto la macabra scoperta. Nell’abitazione di via Don Francesco Canipari sono arrivati due mezzi dei Vigili del Fuoco di Brescia e Orzinuovi, oltre ad un’auto medicalizzata coordinata dalla centrale operativa del 115. ma il medico non ha potuto che constatare il decesso, avvenuto intorno all’alba. Le indagini per accertare che si sia trattato proprio di esalazioni da monossido di carbonio sono state affidate ai carabinieri della stazione di Quinzano d’Oglio. Dopo la ricomposizione delle salme, avvenuta all’obitorio dell’ospedale di Manerbio, stamattina dovrebbero essere completati gli accertamenti medico-legali a cui seguirà il via libera per la sepoltura, che le famiglie delle due vittime hanno già deciso avverrà in terra egiziana.  

Comments

comments

LEAVE A REPLY