Il Pd boccia la giunta: “Paroli ha fallito”. Ma su A2A serve un accordo per la governance

0
Bsnews whatsapp

La giunta Paroli ha fallito. E’ questo il giudizio del gruppo consiliare del Pd per il quale dopo quattro anni di governo Paroli la città si ritrova con soldi spesi male e annunci mai realizzati. Nel 2008 – ha spiegato il capogruppo Emilio Del Bono – Brescia era la città meno tassata d’Italia, oggi i suoi cittadini si ritrovano con più tasse. Era tra le città più patrimonializzate, oggi invece “si incammina verso un depauperamento” con la vendita dei gioielli di famiglia, da Serenissima Centrale del Latte, Centropadane, A2A. In tutto senza aver realizzato nulla degli annunci mirabolanti di questi anni. Anzi, il Pd chiede di bloccare due opere “inutili e costosissime” come la sede unica e l’abbattimento delle torri di San Polo.

C’è poi il capitolo A2A: i democratici si dicono contrari a vendere le quote in questo momento, giudicano pessima la gestione della società in questi anni e chiedono alla maggioranza un percorso condiviso per il cambio della governance: «Per garantire che A2A non sia sottoposta a vicende elettorali future, i passaggi vanno condivisi” ha spiegato Aldo Rebecchi. “Ci pare di capire invece che Paroli e Di Mezza si apprestino a discutere con Milano prescindendo da noi. Se è così A2A non andrà in garanzia”.

Infine il voto del 2013. Il Pd sta lavorando per costruire l’alternativa a Paroli. Il confronto, ha spiegato il segretario cittadino Giorgio De Martin, sarà con il mondo civico, con l´alleanza pre Monti e con il terzo polo”. In fondo, ha ricordato Del Bono, in consiglio Idv, Sel e Pd hanno sempre votato allo stesso modo (l’unica in qualche caso non allineata è stata Laura Castelletti), con Francesco Onofri c’è ampia sintonia (basti pensare alla sede unica) e con l’Udc n tutti questi anni “abbiamo notato posizioni sintoniche a noi per quanto riguarda i temi amministrativi”.  

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Del Bono ..Del Bono….prima la "svendete" a Milano (caspita che advisor che vi eravate scelti!!)e adesso si lamenta? Sarebbe stato onesto ammettere che si era sbagliato tutto, e poi pensare a come rimediare (per quanto e se possibile).

  2. Del bono i bresciani non sono stupidi pecoroni pensi che non abbiano capito di chi e’ la colpa? Credi che davvero non si ricordino chi l’ha voluta la fusione? State almeno zitti

  3. se andate su google ne trovate a centinaia di articoli su quello che accadde alla svendita della cara vecchia ASM ma capite che siamo in campagna elettorale e siccome il PD non se lo fila piu’ nessuno ( basta vedere il numero di commenti in qualsiasi articolo in cui si parla di loro ) in qualche modo devono spararle fuori LOL

  4. Forse lei non si ricorda che anche tra non pochi politici del centro-sinistra vi furono contrarietà alla fusione. Tra questi proprio Emilio Del Bono che pubblicamente esplicitò la sua critica, riportata anche dai giornali locali.

  5. bella quella del colpo al cerchio e alla botte , mi sembra di sentire parlare della metropolitana , decisioni tra le piu’ importanti che resteranno indelebili per le prossime generazioni meritano prese di posizioni piu’ drastiche , o sei daccordo o non lo sei non ci possono essere ma o se o stare nel mezzo per vedere prima come va a finire…poteva lasciare il partito ma non l’ha fatto quindi era pienamente daccordo con la ca@@ata che e’stata fatta.

  6. commenti fuori tema. La giunta Paroli ha fallito. Il tema è questo. Ci troviamo pieni di debiti, con progetti sgangherati, unqa visione di città da oltre 200.000 abitanti????? (da dove sarà arrivata questa illuminazione???). la ns. città ha bisogno di BUON GOVERNO e di una visione. La visione del PDL sono i 200.000 abitanti ma vi pare strategico? Non sarebbe meglio puntare sulla vocazione del ns. territorio, manifatturiero di eccellenza a livello globale, e pensare ad una città al servizio di questa? Bravo del Bono!

  7. quando ha governato la sinistra erano i bei tempi che si poteva spendere e spandere a destra e a manca , non c’era la crisi mondiale , non c’era il patto di stabilita’ , ogni comune poteva sforare come voleva..quei tempi sono finiti , oggi e’ dura per tutti ancor piu’ per Brescia che su 200.000 abitanti deve mantenere 40.000 immigrati nullafacenti .

RISPONDI