“A mezzogiorno una nuova grande scossa”. La Procura indaga per procurato allarme

0

La procura di Brescia ha aperto un fascicolo per procurato allarme dopo che ieri mattina un tam tam incontrollato ha diffuso la notizia che intorno alle 12 sarebbe arrivata una grande scossa di terremoto. Una previsione impossibile che però ha scatenato una psicosi di massa. Dopo la scossa delle 9.06 e quelle della notte, con epicentro nel veronese, nella tarda mattinata di ieri infatti scuole e uffici pubblici sono stati sgomberati: a seminare il panico la notizia che la Protezione civile avesse diffuso una allerta per una imminente fortissima scossa di terremoto. Tutti nei giardini o piazzali o in strada in attesa del cessato allarme. Che non è mai arrivato perché nessuno aveva mai dato l’allarme.  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Se non dai l’allarme è perchè nno dai l’allarme, se dai l’allarme è perchè dai l’allarme. Ma poi dico…i terremoti non sono mai stati prevedibili. Da quando si crede che lo possano essere?

  2. straquoto ahahah se dai l’allarme ti tirano le pietre se non lo dai e succede il danno i magistrati ti fanno un c@@o cosi , ma daltronde i 150.000 circa euri all’anno in qualche modo devono"sudarseli"

LEAVE A REPLY