Buffalora, nessuna contaminazione radioattiva nell’acqua. Parola di A2A

0

(e.b) Sembrerebbe “pulita” l’acqua del pozzo di Buffalora, e di conseguenza anche quella che arriva nelle case dei bresciani. A renderlo noto è A2A che, dopo l’inchiesta di Radio Popolare che aveva gettato forti dubbi sulla presenza di Cesio 137 nell’area dell’ex cava Piccinelli e sulla probabile contaminazione radioattiva della falda acquifera, ha commissionato al Politecnico di Milano le analisi sulla fonte di approvvigionamento per verificare l’eventuale presenza di tracce di cesio 137 nell’acqua. Analisi che hanno portato a risultati negativi. In una nota, l’emittente radiofonica, subito dopo la messa in onda del servizio, ha scritto “la risposta negativa sarebbe arrivata il 18 gennaio scorso. Per ora si tratta solo di un parere aziendale, quindi parziale e senza valore legale. Continua invece il silenzio del comune di Brescia e dell’Asl, che nulla hanno detto sullo stato di salute delle acque dopo che l’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente ha parlato di una probabile contaminazione radioattiva della falda acquifera superficiale. A2A intanto ha fatto sapere che terrà monitorato il pozzo per tutto il 2012”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. E chi è A2A per garantirci che la qualità dell\’acqua è buona se è parte in causa in quanto SPA che ha in gestione l\’erogazione ed il controllo del servizio? L\’ASL e l\’ARPA devono esprimere i dati in loro possesso e subito!

LEAVE A REPLY