Ubriaco alla guida semina il panico in città

0

Alle 21.40 di ieri, 30.01.2012, un equipaggio della Guardia di Finanza si metteva all’inseguimento di una vettura “Ford Fusion” che poco prima non si era fermata ad un posto di controllo lungo Via Ferramola. Il conducente, aveva gettato un involucro dal finestrino che poi non si riusciva a rinvenire, e aveva quindi spinto sull’acceleratore al fine di far perdere le proprie tracce.

La fuga aveva inizialmente dato un buon esito tant’è che l’equipaggio della GdF perdeva le tracce del fuggitivo. Una volante della Polizia di stato, allertata dalla S.O. di quanto stava accadendo, riusciva però ad intercettare l’auto in fuga nei pressi della rotonda ov’ è ubicata la concessionaria Mercedes di San Zeno.

 

Ne scaturiva un nuovo inseguimento  che si snodava, ad elevata velocità, lungo Via Duca degli Abruzzi, Via Cadorna, Via Duca D’Aosta, Viale Piave e Viale della Bornata, durante il quale il conducente della Ford bruciava numerosi semafori, mettendo così a repentaglio l’incolumità dei pedoni e degli altri automobilisti oltre che degli agenti.

 

Durante l’inseguimento le due volanti tentavano invano, senza non pochi rischi, di far desistere il conducente dal continuare la fuga. L’epilogo si registrava in Viale della Bornata in prossimità della rotonda che immette in Via Bernini, allorquando il conducente della Ford effettuava una sconsiderata manovra sterzando bruscamente ed impattando violentemente con la volante che lo tallonava.

 

Il conducente a quel punto, abbandonava la vettura e cercava di dileguarsi a piedi, ma veniva prontamente bloccato  a fatica dagli agenti della seconda volante. Sottoposto successivamente al test alcoolemico  l’uomo risultava positivo evidenziando un valore di 1,50 gl.

 

Gli agenti della volante coinvolta nell’incidente venivano trasportati presso il Nosocomio Poliambulanza e successivamente medicati per ferite guaribili in gg 10, mentre il cittadino Italiano  veniva tratto in arresto per il reato di resistenza a P.U. in attesa della direttissima.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY